Malattie croniche dell’intestino, dibattito tra medici e pazienti all’ospedale di Udine

logo-aou-santa-maria-della-misericordia-udine

Servizio Sanitario Nazionale
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Udine

maurizio-zilli

Dott. Maurizio Zilli

Udine, 23 febbraio 2018 – “Malattie Infiammatorie Croniche dell’Intestino” è il titolo dell’incontro che si terrà sabato 24 febbraio, dalle ore 9.30 e fino alle ore 12.15, nella nuova Sala Conferenze sita sotto la chiesa dell’Ospedale di Udine.

L’evento, organizzato a cura della Struttura Complessa di Gastroenterologia dell’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Udine diretta dal dott. Maurizio Zilli insieme con la Sezione regionale Friuli Venezia Giulia dell’Associazione Nazionale per le Malattie Infiammatorie Croniche dell’Intestino (A.M.I.C.I. Onlus) è orientato a focalizzare le problematiche relative alla colite ulcerosa e alla Malattia di Crohn.

Queste sono patologie invalidanti che colpiscono con frequenza crescente le persone di tutte le età. Si ritiene infatti che oggi in Italia ci siano circa 200.000 ammalati e sino a quando non saranno state individuate le cause di queste malattie, e conseguenti terapie risolutive, il loro numero è destinato ad aumentare.

Saranno affrontati temi relativi al percorso diagnostico terapeutico assistenziale, alle malattie dell’intestino in persone in gravidanza, alle varie tipologie di farmaci e alle possibili vaccinazioni.

Dopo una discussione interattiva con i pazienti relativa all’esame di casi concreti le conclusioni saranno affidate al dott. Maurizio Zilli Direttore Gastroenterologia dell’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Udine e al sig. Raffaele Campanella Presidente A.M.I.C.I .Onlus.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>