L’ozono inattiva i virus e li distrugge fisicamente. L’appello SIOOT per limitare la diffusione del coronavirus

Gorle, 3 marzo 2020 – Nell’attuale e delicata situazione di emergenza, con l’obiettivo di limitare la diffusione del Coronavirus attraverso l’utilizzo dell’ozono, i medici SIOOT (Società Scientifica di Ossigeno Ozono Terapia) chiedono ai colleghi infettivologi, anestesisti e rianimatori di riflettere sull’opportunità di usare l’ozonoterapia sui pazienti infetti e ricoverati:

“I pazienti cronici e anziani che si sottopongono ad ozonoterapia sono più resistenti alle infezioni. É già stato ampiamente dimostrato che l’ozono, normalmente prodotto dai nostri globuli bianchi, svolge contemporaneamente un’azione antinfiammatoria, antibatterica e virustatica; aumenta l’attività mitocondriale, migliora la funzionalità del microcircolo e l’ossigenazione tissutale.

Grazie alle sue attività biochimiche, incrementa la produzione di ATP (Adenosintrifosfato) ovvero il trasportatore universale di energia metabolica. La produzione di energia (ATP) necessaria all’organismo è assicurata dall’ossidazione cellulare. Non è alternativo all’uso dei farmaci, anzi è un potenziatore del farmaco. Tutto ciò senza lasciare tracce in ambiente. Circa 3 mila pubblicazioni scientifiche censite da PubMed documentano questi effetti. La molteplicità degli effetti benefici dell’ozonoterapia e l’assenza di effetti collaterali ci hanno indotto a lanciare questo appello.

Prof. Marianno Franzini

L’ozono uccide gli organismi parassitari per lisi cellulare attaccandone con meccanismo ossidativo le membrane protettive, senza lasciare residui chimici. I virus prima vengono inattivati e poi fisicamente distrutti.

Le persone colpite da influenza, nell’eventualità di difficoltà respiratorie, febbre e polmonite, dovrebbero al più presto essere trattate quotidianamente secondo il protocollo SIOOT di ossigeno ozono, senza interrompere le terapie in atto. La previsione di trattamento delle polmoniti va da un minimo di 4 a un massimo di 8 giorni.

È necessario igienizzare gli ambienti tramite l’immissione nell’aria di dosi di ozono. Se non vi è presenza di persone, le dosi devono essere più alte e immesse per un breve periodo di tempo. In presenza di pazienti, le dosi di ozono devono essere più basse e prolungate. Inoltre si riduce il rischio di contaminazione operando attraverso la sterilizzazione delle merci in ingresso e in uscita, nonché procedendo con la sanificazione di ambienti ad alta affluenza (quali aeroporti, stazione e uffici).

Sinora non è stato osservato nessun batterio o virus resistente all’ozono SIOOT. Sono già stati pubblicati lavori che dimostrano l’effetto battericida e virustatico dell’ozono. Se l’ozono fosse utilizzato, sia per disinfettare gli ambienti sia per curare i pazienti, almeno nei centri di rianimazione e negli ospedali per malattie infettive, potrebbe essere ridotta notevolmente la mortalità per infezioni, contribuendo anche alla riduzione dell’antibiotico resistenza, vera minaccia per l’umanità”.

I medici SIOOT Dott. Simonetti, Dott. Vaiano, Prof. Ricevuti, Prof. Valdenassi, Prof. Franzini

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

21 Risposte

  1. Avatar Fabrizio ha detto:

    Io personalmente sconsiglio l’ozono.
    Sicuramente è un ottimo antiossidante,ma il problema è che non sanifica H24.
    Nel mio studio ho installato tutt’altro tipo di macchinario che agisce H24 ,lo consiglio a tutti,e i costi sono abbastanza alti ,considerando anche il fatto che è un dispositivo garantito a vita.
    Saluti

  2. Avatar Angelo ha detto:

    Buon pomeriggio. L’ozono utilizzato per sanificare quotidianamente uno studio medico ha effetti ossidativi sulle apparecchiature elettroniche e computer presenti, con possibile compromissione delle parti? Grazie

  3. Avatar Alighiero Tessenda ha detto:

    Ho iniziato a fare un ciclo di ozono terapia a scopo preventivo per coronavirus, il risultato evidente è che ora mi sento più tonico e ho migliorato la circolazione, non ho più formicolio alle mani. Comunque sia, finora il risultato è positivo.

  4. Avatar Guido lanati ha detto:

    Ho approfondito direttamente circa il trattamento ozono terapia presso l’ospedale S.M. della Misericordia di Udine. Mi è stato confermato l’esito positivo di 35 su 36 trattati, dove uno solo ha richiesto la terapia intensiva. La direzione dell’ospedale mi ha confermato che erano in attesa dell’autorizzazione Aifa. Ho interpellato Aifa che. Mi ha confermato di avere invitato l’ospedale, ad interpellare l’ente locale perché si trattava di un trattamento e non di un medicinale. Non mi dilungo ma concludo con una banale domanda: chi devo denunciare per omicidio o quantomeno per complicità? Con la promessa di un 87enne di parola, che non MOLLERÀ. Guido lanati

  5. Avatar Gabriella ha detto:

    Salve, vorrei acquistarlo, mi consigliate che potenza sia meglio, per un ambiente di circa 70 mq? Grazie
    Gabriella

  6. Avatar Fabio Antonioni ha detto:

    Io ho acquistato generatore di ozono per sanificazione camere Hotel, il giorno dopo nella chat di categoria il Presidente pubblica il parere di un consulente medico che afferma inefficacia OZONO contro coronavirus. Sanificare con ozono ha tanti altri benefici, batteri, muffe, cattivi odori etc e che io sappia non esistono studi su virus covid 19, quindi come si può affermare con certezza che sia inefficace su covid 19. Grazie

  7. Avatar Giovanni Ceccarelli ha detto:

    Ho letto che l’O3 è un potentissimo ossidante e che nel suo impiego necessita di estrema cautela soprattutto per possibili danni a livello polmonare, soprattutto negli asmatici.
    Non le sembra che pubblicizzare e banalizzare l’uso di questi apparecchi produttori di O3 non sia corretto?

  8. Avatar Sergio Mancini ha detto:

    Ho acquistato a gennaio 2020, 3 dispositivi differenti marche per la produzione di ozono,di cui già conoscevo le proprietà sanificanti, battericide ,ecc. I costi sono notevolmente diversi secondo la marca, ma vi assicuro che il cuore del generatore, tipo a effetto corona, è uguale per tutti. varia solamente il valore in grammi/ora della quantità di ozono prodotto. Variano solo gli optional elettrici: tipo timer meccanici o elettronici, programmatori digitali filtri ecc.
    I costi sono “ad libidum” vanno da 80,00 i piu semplici, a 2000,00€ i professionali.
    per casa vanno benissimo i più semplici, rispettando le procedure ,come da letteratura. Comprate e sanificate tranquilli per i prossimi anni. E non prendete l’ascensore in questo periodo se non è stato sanificato.

  9. Avatar Samuele cascioli ha detto:

    Se tutto questo è vero, come mai si lascia la gente morire a grappoli? Forse chi ci comanda ha deciso di intervenire quando avremo superato i 100mila morti nel mondo…ho un ribrezzo assurdo per tutto ciò e spero che chi sostiene la cura ozono con prove scientifiche si incateni davanti la sede dell’ISS

  10. Avatar Massimo PERELLI ha detto:

    Per calcolare la concentrazione massima di Ozono (raggiungibile un una ora) in PPM Dividere il volume della stanza in m3 per la produzione 3500 mg/h e poi ancora per 5 per tenere conto del coefficiente di decadimento naturale. Questa è circa la concentrazione che si instaura dopo 30 minuti, da tenere tra 2 e non più 5 PPM per 1 ora. Poi aspettare almeno una ora prima di entrare o in subordine arieggiare bene per almeno mezz’ora. In mezz’ora senza arieggiamento la concentrazione scende circa ad 1/10 di quella massima.

  11. Avatar Giuseppe ha detto:

    La conoscenza quella utile, è un bene di tutti
    Grazie

  12. Avatar Antonio ha detto:

    Escluderei concentrazioni anche minime di ozono nell’aria in presenza di persone. E’ certamente efficace, ma è bene che le apparecchiature siano manovrate da personale istruito e le miscele di ozono prodotte siano certificate!

  13. Avatar Michele ha detto:

    Spett.le Direzione, sarebbe utile far conoscere al grande pubblico, in tempi di emergenza da coronavirus, se sia possibile e proficuo l’acquisto di apparecchiature “casalinghe” per la produzione di ozono, al fine di determinare una disinfezione degli ambienti domestici con una spesa piccola/modesta ma estremamente raccomandabile allo scopo di prevenire e/o bloccare la virulenza e la possibile diffusione del C. virus.

  14. Avatar Attilio Gallini ha detto:

    Allora forza con l’ozono, procuriamoci l’apparecchio che lo produce. Sarà sempre una possibilità in più per combattere questo virus, e non solo questo.

  15. Avatar Morona Maria Nanci ha detto:

    Caro professore Marianno Franzini, per l’amore di Dio, salva l’Italia.
    Potresti rendere le persone consapevoli del potere dell’ossigeno ozonoterapia, contro il coronavirus e, quindi, salvare la vita di molte persone!
    Che Dio la Benedica!

  16. Avatar Roberto Bruni scrittore ha detto:

    Perché non lo proponete a quei sapientoni al governo?

  17. Avatar Rosaria ha detto:

    Ossigeno terapia è efficace?

  18. Avatar Giorgio Paolucci ha detto:

    Salve, ho acquistato, mesi fa, un apparato per produrre ozono ed ho eseguito una sterilizzazione delle stanze della mia casa lasciandolo in attività per un’ora in ogni stanza. Poi ho arieggiato per 2 o 3 ore. Oggi con le problematiche legate al coronavirus che tipo di utilizzo potrei fare del mio dispositivo? Ha una produzione massima di 80 CFM (2,24 Metrocubo al minuto) ed una produzione di 3,5 g/h di ossigeno attivo.
    Grazie per la collaborazione

    • Avatar bruno ha detto:

      io lo uso per lavare frutta e verdura, e usando una pietra porosa (in dotazione ) in 5 minuti ozonizzo un bicchiere d’acqua, ogni mattina bevendola apporta innumerevoli benefici, oltre a togliere tutti i cattivi odori organici in casa, e per chi come me ha un cane è utilissimo

    • Avatar bruno ha detto:

      dimenticavo, non serve arieggiare, l’ozono quando decade (dopo una mezzoretta) si trasforma in ossigeno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *