Lo Sport contro il diabete. L’attività aerobica riduce il bisogno di insulina

logo-IRCCS-San-Donato

Su Cell Transplantation lo studio dei ricercatori dell’IRCCS Policlinico San Donato dimostra i benefici dell’esercizio fisico nei pazienti affetti da diabete di tipo 1 con microinfusore insulinico

corsa-maratona-sportMilano/Miami, 8 novembre 2016 – I ricercatori del Centro di Ricerca sul Metabolismo dell’IRCCS Policlinico San Donato, guidati dal prof. Livio Luzi, insieme ai colleghi del Diabetes Research Institute dell’Università di Miami, hanno studiato per tre mesi due gruppi di pazienti adulti, affetti da diabete di tipo 1 e portatori di un microinfusore insulinico. I pazienti che durante il periodo di osservazione avevano mantenuto un allenamento di tipo aerobico costante hanno mostrato, rispetto al gruppo di controllo, miglioramenti significativi del controllo metabolico, un calo del bisogno di insulina e una marcata riduzione degli attacchi iperglicemici.

Il prof. Livio Luzi, responsabile dell’Area di Endocrinologia e Malattie Metaboliche dell’IRCCS Policlinico San Donato: “Il nostro lavoro dimostra con dati incoraggianti che essere attivi fisicamente migliora il controllo della glicemia in chi è affetto da diabete di tipo 1. Certamente la verifica dovrà essere estesa a un numero più ampio di soggetti, ma già ora possiamo dire che un programma di educazione incentrato sul monitoraggio dell’iniezione dell’insulina, sulla dieta e sugli esercizi, è estremamente vantaggioso per la gestione della malattia e costituisce una parte essenziale della terapia, non un qualcosa di accessorio che si possa lasciare alla discrezionalità dei pazienti”.

La rilevanza dell’attività fisica aerobica nella gestione dei pazienti con diabete era stata fino ad oggi chiaramente dimostrata solo per il diabete di tipo 2, tanto che l’intervento sullo stile di vita costituisce il primo livello di approccio terapeutico secondo il Position Statement congiunto ADA-EASD (delle Società Americana ed Europea di Diabetologia), Diabetes Care, 2015. Più controversa finora l’utilità dell’esercizio fisico nel diabete di tipo 1 per una serie di motivi tra cui la frequenza delle ipoglicemie e una aumentata variazione dei livelli glicemici durante le ventiquattrore.

Il lavoro del gruppo del prof. Luzi dimostra invece un chiaro effetto positivo dell’esercizio fisico – aerobico, svolto almeno per tre sessioni settimanali e per 30-45 minuti – sia su parametri metabolici che infiammatori, seppure nel breve termine, in pazienti trattati con microinfusore di insulina.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *