Instabilità del gomito: migliorare la qualità di vita dei pazienti. Specialisti a confronto all’Istituto Rizzoli

logo-servizio-sanitario-regionale-emilia-romagna-istituto-ortopedico-rizzoli

gomito-dolore-articolazione

Bologna, 6 settembre 2019 – I maggiori esperti italiani della spalla e del gomito saranno presenti all’Istituto Ortopedico Rizzoli martedì 10 settembre per confrontarsi su diagnosi e trattamento delle patologie legate al gomito in occasione dell’Advanced Elbow Course.
Il corso è organizzato dal direttore del reparto di Chirurgia della Spalla e del Gomito Roberto Rotini insieme al prof. Shaw O’Driscoll della Mayo Clinic di Rochester (Minnesota, USA).

prof-roberto-rotini-ior

Prof. Roberto Rotini

“Quest’anno il convegno, giunto alla settima edizione, sarà dedicato all’instabilità del gomito – spiega Rotini – Verranno illustrate le tecniche di diagnosi e di trattamento delle instabilità del gomito e le nuove frontiere in questo settore, il cui principale obiettivo è il miglioramento della qualità di vita dei pazienti”.
Tra gli ospiti dell’edizione 2019 anche il prof. Samuel Antuña dell’Hospital Universitario La Paz di Madrid, Spagna.

Mercoledì 11 settembre il corso, per la prima volta, proseguirà presso l’Humanitas Research Hospital di Milano, grazie alla collaborazione con il dott. Alessandro Castagna, responsabile dell’unità operativa di Spalla e di Gomito dell’ospedale milanese, dove un gruppo di partecipanti avrà l’opportunità di mettere in pratica le conoscenze apprese al Rizzoli, tra queste il trattamento chirurgico delle fratture di gomito e l’impianto di protesi.

Roberto Rotini guida il reparto di Chirurgia della Spalla e del Gomito dell’Istituto Ortopedico Rizzoli dal 2000. Autore di oltre cento articoli scientifici, membro delle più prestigiose società scientifiche di riferimento, ha realizzato cinque brevetti inerenti le patologie di spalla e di gomito. Dal 2007 organizza al Rizzoli il corso internazionale di perfezionamento della chirurgia del gomito.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *