Il latte d’asina amiatina diventa “medicina”. Presentata a Expo una ricerca del Meyer

logo Meyer_2

la presentazione del progetto a Expo5 agosto 2015 – Il latte delle asine amiatine – bevanda ottima e ricca di proteine, calcio e importanti sostanze che aiutano il sistema immunitario – adesso diventa vera e propria “medicina” per i bambini allergici agli altri latti. È questo il frutto di un progetto congiunto tra Meyer, Regione Toscana e l’azienda agricola “Le Bandite” di Scarlino, che ieri mattina ha fatto il suo debutto a Expo.

Il progetto è stato presentato nell’ambito dell’incontro che ha aperto la presenza di Regione Toscana a Expo, nei chiostri dell’Umanitaria, a pochi passi dal Duomo di Milano, alla presenza di molti esperti della Regione e dell’assessore per il Diritto alla salute Stefania Saccardi. Durante l’evento è stato presentato un numero speciale di Molto Meyer, la rivista scientifica del Meyer che questo mese è dedicata interamente alla nutrizione, in occasione della partecipazione dell’ospedale pediatrico a Expo.

le asine amiatineIl latte d’asina
La ricerca sul “nettare delle asine di Scarlino” è stata presentata dal prof. Elio Novembre, responsabile dell’Allergologia del Meyer, che ha raccontato i tanti pregi e impieghi di questo latte: ben tollerato dal 90-95% dei soggetti con allergia alle proteine del latte vaccino, ha dalla sua il vantaggio di avere un ottimo gusto e dunque piace molto ai bambini. Inoltre, il suo alto contenuto di lattosio stimola l’assorbimento di calcio a livello intestinale, a tutto beneficio della mineralizzazione ossea e ha inoltre un alto contenuto di lisozima, un enzima del quale sono state evidenziate le capacità di inattivare alcuni virus, l’attività immunoregolatoria e quella antitumorale.

fonte: ufficio stampa (foto di Giulia Righi)

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *