Bullismo, Telefono Azzurro: “Solo 1 bambino su 5 informa un adulto di esserne vittima”

Telefono Azzurro

Il Presidente Ernesto Caffo commenta il via libera della Camera alla mozione anti bullismo

prof-ernesto-caffo-presidente-telefono-azzurro

Prof. Ernesto Caffo

Roma, 18 maggio 2016: “Il bullismo è un fenomeno che può avere conseguenze drammatiche dal punto di vista psicologico e relazionale e che può spingere alcune vittime a gesti estremi. Basti pensare che il 10% tenta il suicidio e il 30% arriva ad atti di autolesionismo. Solo 1 bambino su 5, però, informa un adulto di esserne vittima – ha commentato Ernesto Caffo, docente di neuropsichiatria infantile e Presidente di Telefono Azzurro – Per combattere questo pericoloso silenzio è fondamentale anche il coinvolgimento delle Istituzioni. Il fatto che la mozione sia stata approvata all’unanimità riflette un impegno che speriamo possa tradursi in misure concrete. Come Telefono Azzurro siamo molto contenti che si parli di questo tema, che noi affrontiamo quotidianamente da quasi trent’anni. Il bullismo va contrastato con azioni concrete ed è quello che Telefono Azzurro, con il suo Centro Nazionale di Ascolto, fa ogni giorno. Oggi più che mai siamo in prima linea sul tema del bullismo e del cyberbullismo, con il nostro numero 1.96.96, gratuito e attivo 24 ore al giorno 365 giorni l’anno, per rispondere alle richieste di aiuto di bambini e adolescenti”.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>