Anca, la scuola bolognese affronta la nuova “epidemia”

loghi-sant'orsola

L’innalzamento dell’età ha portato a un’impennata di fratture e protesi. Sant’Orsola e Rizzoli analizzano insieme andamenti e nuove metodiche venerdì 11 settembre

Bologna, 9 settembre 2015 – Con l’innalzamento della vita media stanno assumendo i tratti di una “epidemia” le fratture del collo del femore e le altre patologie legate all’anca. L’Ortopedia del Sant’Orsola ha deciso così di chiamare a raccolta la “scuola bolognese” per fare il punto della situazione, analizzando gli andamenti e le nuove metodiche. È nato così il corso “A tutto anca”, presieduto dal dott. Massimo Laus, in programma venerdì 11 settembre presso l’aula Murri del Policlinico.

L’appuntamento – al quale parteciperanno numerosi professionisti degli Istituti Ortopedici Rizzoli, da cui lo stesso Massimo Laus proviene – sarà aperto alle ore 9.30 dall’intervento del direttore generale Mario Cavalli e sarà articolato in quattro sessioni, dedicate rispettivamente a Traumatologia, Coxartrosi, Artroprotesi e Revisioni protesiche. La chiusura dei lavori, dopo la discussione, è prevista per le ore 17.00. Il corso è gratuito per tutti i professionisti del settore.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *