Vaccino, come il microbioma influenza la risposta immunitaria

logo-waidid

A cura del prof. Nicola Cotugno, Research Unit in Perinatal and Congenital Infections, University Department of Pediatrics, Ospedale Pediatrico Bambino Gesù

vaccinazione-bambino

Roma, 19 ottobre 2018 – I vaccini hanno cambiato la storia della medicina aumentando notevolmente l’aspettativa di vita media, e allo stato attuale prevengono ogni anno circa 3 milioni di decessi nel mondo. Tuttavia, un numero altrettanto grande di vite potrebbe essere risparmiato grazie ad interventi vaccinali più efficaci diretti verso le popolazioni a rischio quali: bambini di paesi in via di sviluppo, immunodeficienti, gestanti, neonati prematuri, anziani e pazienti oncologici (WHO).

nicola-coutgno-opbg

Prof. Nicola Cotugno

Numerosi studi scientifici hanno recentemente posto in relazione il microbiota umano, l’insieme di batteri simbiotici che vivono nel nostro corpo, con la capacità di rispondere alle infezioni, e di conseguenza alle vaccinazioni.
Per tale motivo, una chiave terapeutica per aumentare l’immunogenicità dei vaccini è rappresentata dalla modulazione del microbiota attraverso l’utilizzo

di pre- e pro- biotici. Tale intervento, condotto in recenti studi su bambini provenienti da paesi in via di sviluppo, ha infatti mostrato un miglioramento della risposta verso vaccini contro Tetano, Poliovirus, Rotavirus e Tubercolosi. Questo approccio, volto a riequilibrare la flora intestinale, potrebbe guidare nei prossimi anni, non solo la personalizzazione di vaccini già esistenti, ma anche la ricerca rivolta a malattie tuttora orfane da vaccini (HIV, HCV, Zika, etc.).

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>