Tumore al seno, gli sviluppi dell’immunoterapia al XV Michelangelo Seminar

Milano, 29 ottobre 2016 – Fondazione Michelangelo presenta il XV Michelangelo Seminar, che si terrà venerdì 4 novembre presso l’Hotel Michelangelo, a Milano. Il seminario si propone di affrontare i diversi aspetti legati all’immunoterapia, mettendo in luce come questa possa essere applicata al trattamento del carcinoma mammario.

Argomento centrale saranno le scoperte relative ai checkpoint immunitari che hanno condotto allo sviluppo di una nuova classe di composti, gli inibitori del sistema immunitario, i quali hanno già dimostrato la loro efficacia nel trattamento del carcinoma mammario triplo negativo metastatico (TNBC) e in altri sottotipi di tumore al seno e rappresentano dunque un’opzione terapeutica molto promettente.

All’incontro, presieduto da Luca Gianni, Presidente della Fondazione Michelangelo e Primario di Oncologia Medica IRCCS Ospedale San Raffaele, parteciperanno esponenti di spicco nel campo dell’immunoncologia. In particolare: Giampaolo Bianchini, Ospedale San Raffaele, Milano; Leisha A. Emens, John Hopkins University School of Medicine, Baltimora; Michele Maio, Azienda Ospedaliera Universitaria Senese, Siena; Molinero Luciana, Genentech, San Francisco; Peter Schimd, Barts Cancer Institute, Londra.

Grazie al valore dei contenuti scientifici proposti e alla sua rilevanza a livello internazionale, il XV Michelangelo Seminar ha ottenuto il patrocinio di ASCO, American Society of Clinical Oncology, e di Alleanza contro il cancro.

Per la sua natura internazionale, l’evento, accreditato ECM per tutte le categorie competenti, si svolgerà interamente in lingua inglese e verrà fornito un servizio di traduzione simultanea. La partecipazione è gratuita.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *