Pronto Soccorso San Camillo, Anaao Assomed: “Situazione drammatica”

logo-anaao-assomed

pronto-soccorso-ospedale

Roma, 16 luglio 2019 – “L’on. Grillo, Ministro della Salute, quando partecipa a trasmissioni dove si parla anche del nostro Pronto Soccorso, ripete questo mantra. Ma i problemi del nostro PS sono gli stessi di tantissimi altri PS del Lazio e di tutta la nazione.
Pertanto gli ‘attori’ che hanno ridotto i luoghi di emergenza in luoghi più simili a lazzaretti, sono tanti e vengono da lontano. Ma nessuno può sottrarsi alle proprie responsabilità e dire che è colpa sempre degli altri, anche quando si hanno rilevanti responsabilità di governo.

La situazione del nostro PS e di tantissimi nel Lazio ed in tutte le altre regioni, è drammatica. Forse oggi comincia ad essere percepito come un problema nazionale e non solo come uno scoop giornalistico sull’affollamento delle barelle.

Forse invece di lanciare accuse reciproche, gli organi di governo regionali e nazionali dovrebbero considerare come affrontare le tante criticità del SSN che hanno condotto a questo declino. Forse è il caso di ascoltare chi, come la Commissione Nazionale Emergenza Anaao Assomed, ha proposto per cercare soluzioni ai tanti problemi. Le nostre proposte sono pubbliche già dal novembre 2018. Il recente “decreto Calabria” ha iniziato a recepire alcune nostre istanze. Non è ancora un cambiamento epocale, ma è un passo avanti. Occorre farne molti altri. Senza chiedere la testa di nessuno ma lavorando insieme, ascoltando la voce degli operatori e degli utenti”.

Sandro Petrolati
Segretario Anaao Assomed San Camillo Forlanini
Coordinatore Commissione Emergenza Anaao Assomed

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *