Omotossicologia e Low Dose Medicine. Master universitario di II livello a La Sapienza di Roma

logo-amiot

Il master è finalizzato a fornire i più moderni strumenti culturali e terapeutici per l’efficace gestione delle patologie a più alta incidenza

Roma, 21 dicembre 2016 – Il Dipartimento di Scienze Anatomiche, Istologiche, Medico-Legali e dell’Apparato Locomotore dell’Università Sapienza di Roma, con il patrocinio di AMIOT – Associazione Medica Italiana di Omotossicologia – ha aperto le iscrizioni per il nuovo Master Universitario di II livello in “Omotossicologia e Low Dose Medicine”. L’inizio delle lezioni di didattica frontale è previsto entro e non oltre il 28 febbraio 2017 e la loro conclusione sarà indicativamente nel mese novembre 2018.

Il Master si propone di realizzare un percorso formativo finalizzato a fornire al partecipante la conoscenza dei più moderni strumenti culturali e terapeutici per la gestione delle patologie a più alta prevalenza in ambito internistico e plurispecialistico secondo la chiave di lettura dell’Omotossicologia, della Psico-Neuro-Endocrino-Immunologia e della Low Dose Medicine. Particolare attenzione durante il corso sarà dedicata all’insegnamento delle tecniche infiltrative e all’acquisizione della necessaria manualità attraverso le sessioni pratiche e le simulazioni.

Il Master ha durata biennale e sarà svolto in lingua italiana. L’attività formativa è pari a 1500 ore di impegno complessivo, di cui almeno 300 ore dedicate all’attività di didattica frontale e 50 ore destinate alla prova finale; sono previste anche delle attività di e-learning e le restanti ore saranno impiegate per l’attività formativa in stage.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *