La prevenzione cardiovascolare entra fra i banchi di scuola

logo Azienda Ospedaliera Villa Sofia-Cervello

Lezione di “cuore” al Liceo Classico Garibaldi di Palermo

Palermo, 12 febbraio 2016 – Seguire stili di vita corretti per prevenire le malattie cardiovascolari già dall’età adolescenziale. Lezione “di cuore” domani, sabato 13 febbraio, al Liceo Classico Garibaldi di Palermo per un’iniziativa promossa nell’ambito di “Cardiologie aperte”, campagna di sensibilizzazione nazionale promossa dalla Fondazione “Per il tuo cuore” e dall’Associazione nazionale medici cardiologici (Anmco), che coinvolge diverse strutture cardiologiche italiane in visite, consulenze e conferenze.

L’Azienda Villa Sofia-Cervello ha aderito all’iniziativa con l’Unità operativa di Cardiologia diretta da Nicola Sanfilippo e domani mattina dalle 8 alle 11 gli studenti del secondo anno del Liceo Garibaldi insieme dalla dr.ssa Giovanna Geraci, cardiologa dell’Ospedale Cervello e componente del Direttivo nazionale dell’Anmco, affronteranno i principali temi legati ai fattori di rischio come fumo, dieta alimentare, sedentarietà. Una parte della mattinata sarà dedicata inoltre alla sensibilizzazione al “primo soccorso”.

In caso di infarto miocardico è infatti dimostrato che la tempestività degli interventi è elemento determinante nel condizionare l’andamento clinico e la sopravvivenza stessa del paziente e dunque l’aiuto precoce prestato dai presenti, anche non sanitari (i cosiddetti “laici” possono essere istruiti ad eseguire le manovre di Massaggio Cardiaco Esterno) è davvero in grado salvare una vita. Con l’ausilio di manichini-simulatori i ragazzi saranno dunque messi nelle condizioni di provare di persona le manovre di primo soccorso.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *