Gioco d’azzardo, è una dipendenza? Verifica con il test online

logo_codacons-alta-def

I giocatori possono accertare se il loro modo di giocare sia pericoloso e rischi di trasformarsi in vera e propria dipendenza con il test pubblicato sul web da Codacons

gioco-d'azzardo

Roma, 21 marzo 2017 – Nell’ambito del progetto sulla ludopatia “Attenti al gioco!” il Codacons ha pubblicato sul web un test fai da te per aiutare i cittadini a capire se il proprio modo di giocare con lotterie, Gratta & Vinci, slot machine, videopoker e altri concorsi a premio sia corretto o pericoloso.

Si tratta di un test estremamente utile come indicatore per capire se si hanno o meno problemi legati al gioco – spiega l’associazione dei consumatori, che da anni si batte contro la piaga della ludopatia in Italia – Ovviamente solo uno psicoterapeuta può effettuare una diagnosi ufficiale, ma grazie a questo test, elaborato dal South Oaks Gabling Screen, i giocatori possono verificare la presenza di segnali pericolosi nel proprio comportamento che possono portare nel breve periodo allo sviluppo di forme di dipendenza da gioco, e così intervenire con tempestività per tutelarsi.

Con il progetto “Attenti al gioco!” il Codacons intende mettere in campo un intervento educativo finalizzato al contrasto del gioco d’azzardo e della ludopatia, attraverso lo sviluppo di una rete informativa capillarizzata sul territorio e la realizzazione di una campagna di informazione e sensibilizzazione destinata alla popolazione.

Tutti gli utenti che vogliano eseguire il test di “autodiagnosi” possono collegarsi al sito www.attentialgioco.it e seguire le istruzioni riportate.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *