Bimba di 4 anni muore per malaria. Il commento della pediatra e infettivologa Susanna Esposito

logo-waidid

La prof.ssa Susanna Esposito, Ordinario di Pediatria all’Università degli Studi di Perugia e Presidente WAidid, Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici, interviene sul caso della bambina di 4 anni di Trento morta per malaria

susanna-esposito

Prof.ssa Susanna Esposito

Roma, 5 settembre 2017 – “Se pur non conosco personalmente i dettagli del caso – commenta la prof.ssa Susanna Esposito, Ordinario di Pediatria all’Università degli Studi di Perugia e Presidente WAidid, Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici – vorrei rassicurare le famiglie sottolineando che la malaria non si trasmette da persona a persona se non attraverso sangue infetto.

Nel nostro Paese, però, esistono – se pur rare – specie di zanzare Anopheles (in particolare, Anopheles labranchiae), che sono possibili vettori di questa malattia. Quando ci sono soggetti infetti, il contagio, se pur eccezionale, è un rischio possibile. E’ fondamentale che i pazienti con malaria accertata stiano in una stanza con zanzariere alle finestre e porte chiuse per evitare il diffondersi della malattia che in teoria può verificarsi”.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *