Aritmologia a Napoli. Il congresso interattivo alla Stazione Marittima

Napoli, 15 giogno 2016 – Si svolgerà a Napoli, alla Stazione Marittima, dal 16 al 18 giugno (a partire dalle ore 9.00) la seconda edizione di Cardiac Rhythm Management, l’evento internazionale dedicato alla aritmologia che vedrà a confronto i maggiori esperti del settore sul trattamento delle patologie cardiovascolari emergenti del terzo millennio, guidati dai tre dottori partenopei: Stefano Nardi, Luigi Argenziano e Mattia Liccardo.

L’organizzazione, interamente made in Naples, ha realizzato un congresso di livello internazionale nel corso del quale si affronterà il problema della gestione e del trattamento dello scompenso cardiaco sia acuto che cronico con una sessione dedicata alla gestione della sincope, affrontando il problema della morte cardiaca improvvisa in ambito sportivo ma anche gli ultimi “High-lights” sulla gestione e sul trattamento della fibrillazione atriale.

Ampio spazio sarà dedicato ai protocolli di idoneità sportiva, si parlerà inoltre di come aumentare l’aderenza alle linee-guida e ampio respiro verrà dato al trattamento della fibrillazione atriale in tutte le sue manifestazioni.

L’invito è stato esteso ai Medici di Medicina Generale (MMG), ai Cardiologi Ambulatoriali, agli specializzandi della SUN e della Federico II di Medicina d’urgenza e Cardiologia, nonché agli Infermieri Professionali. La particolarità della tre giorni è la interazione totale tra i partecipanti, con votazioni e partecipazione dei professionisti, e il mondo del web. Il sito internet appositamente creato (www.crmnapoli.it) rappresenta la piattaforma multimediale a supporto dell’evento che sarà trasmesso in “streaming” attraverso la creazione di schermi multipli.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *