Progetto “Ciak si cura” all’Ospedale Regina Margherita di Torino

loghi-ciak-si-cura

18 marzo 2015 – La Rete Oncologica Piemonte e VdA, e il Museo Nazionale del Cinema di Torino presentano CIAK SI CURA, un progetto rivolto agli adolescenti e ai bambini ricoverati nel reparto di Oncoematologia dell’Ospedale Regina Margherita, e che prevede una serie di proiezioni settimanali di film per ragazzi; un appuntamento piacevole che si spera contribuisca a rendere meno pesante la loro permanenza in ospedale.

Oltre alle proiezioni in reparto sono previste anche una serie di attività a Casa UGI, tutte a cura del Museo Nazionale del Cinema: un ciclo di film (con cadenza quindicinale) per le famiglie e, per i piccoli pazienti, 8 laboratori sulle tecniche cinematografiche.

Il progetto, ideato da Rete Oncologica e sviluppato dal Museo, si è potuto realizzare grazie al fondamentale contributo della Reale Mutua Agenzia Antonelliana che ha interamente sostenuto i costi del progetto, incluso l’allestimento della sala proiezioni al Regina Margherita e dei laboratori a Casa UGI.

All’iniziativa partecipano anche MoleCola e Fol gourmet popcorn che al termine di ogni incontro offriranno i loro prodotti a tutti i partecipanti.

Le proiezioni in reparto verranno introdotte dai giovani volontari CVP (Con Volontà Puoi), che raggruppa ex ricoverati del reparto di Oncoematologia del Regina Margherita; durante la proiezione saranno presenti gli psicologi del reparto e un referente del museo che al termine dello spettacolo guideranno i giovani spettatori in un percorso di analisi del film.

Si ringraziano tutti gli sponsor che hanno aderito a Ciak si cura, in particolare il dott. Luigi Russo della Reale Mutua Agenzia Antonelliana, che ha già collaborato ad altre iniziative del museo in ambito sociale, e senza il cui contributo questo progetto non sarebbe mai stato realizzato.

Regina Margherita_1

Ospedale Regina Margherita di Torino

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *