Malattia di Parkinson, al Policlinico Gemelli incontro di sensibilizzazione con pazienti e familiari

logo-gemelli-cattolica

Sabato 26 novembre medici specialisti e operatori sanitari del Centro Parkinson del Policlinico, malati e loro familiari insieme in un incontro formativo e informativo sulla patologia neurologica. Largo spazio anche all’intrattenimento nella hall del Gemelli con l’esibizione di Edoardo Vianello e la sua scuola “CorEdo” con la partecipazione di Wilma Goich, Armando De Razza, I Pandemonium e gli allievi e gli insegnanti dell’Accademia di Musica “Sotto i raggi del Sole”

Roma, 25 novembre 2016 – Domani, sabato 26 novembre, dalle 9.30 alle 13.30, il Policlinico Universitario A. Gemelli partecipa alle iniziative di sensibilizzazione della Giornata Nazionale Parkinson, promossa da LIMPE – DISMOV (Accademia italiana per lo Studio della Malattia di Parkinson e di Disturbi del Movimento) e dalla Fondazione LIMPE per il Parkinson Onlus, con un evento formativo e informativo su questa patologia neurologica. L’evento che si svolge nella hall del Policlinico vedrà protagonisti i medici e gli operatori sanitari del Centro Parkinson del Gemelli insieme a pazienti e loro familiari per dare informazioni e raccontare la malattia anche dal punto di vista di chi la vive sulla propria pelle. Nella seconda parte della mattinata, a partire dalle ore 11.30, spazio all’intrattenimento musicale con l’alternarsi sul palco nella hall dell’ospedale di diversi artisti a partire da Edoardo Vianello.

La manifestazione si aprirà con la proiezione di un video curato dall’Unità Operativa dei Disturbi del Movimento e del Centro d Medicina dell’Invecchiamento del Gemelli intitolato “Parkinson giorno per giorno”.

Per tutta la mattinata un team multidisciplinare composto da neurologi, geriatri, fisiatri, foniatri, nutrizionisti e riabilitatori darà informazioni sulla malattia di Parkinson e risposte relative ai bisogni assistenziali dei malati. I partecipanti potranno confrontarsi con gli specialisti del Gemelli dove è attivo un Percorso clinico-assistenziale dedicato alla malattia di Parkinson.

Alla fine di questo evento formativo-informativo la mattinata proseguirà con la musica e l’intrattenimento di Edoardo Vianello, artista sensibile e generoso alle richieste di condivisione e solidarietà, che dedicherà ai presenti un concerto della sua nuova creatura, il CorEdo, con la partecipazione di Wilma Goich, Armando De Razza, I Pandemonium e gli allievi e gli insegnanti dell’Accademia di Musica “Sotto i raggi del Sole”.

“Anche attraverso queste iniziative sociali vogliamo prenderci cura dei pazienti – spiega la neurologa Anna Rita Bentivoglio, Responsabile dell’Unità Operativa dei Disturbi del Movimento dell’Area Neuroscienze della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli – L’iniziativa ha come scopo primario quello di dire ai pazienti che non sono soli, hanno l’intera équipe di medici, ricercatori, associazioni e familiari sempre accanto lungo il percorso della malattia”.

Ritardare il trattamento nel paziente parkinsoniano ha effetti negativi sulla sopravvivenza e sulla qualità della vita. “Quando e come iniziare la terapia dipende da tanti fattori: la gravità dei sintomi, l’età, i possibili effetti collaterali, lo stile di vita, il ruolo e le mansioni familiari e lavorative. Non solo la fisioterapia classica ma anche le terapie complementari sono formidabili alleati nella cura del Parkinson – continua Bentivoglio – Laddove la riabilitazione mira a potenziare muscoli, rendere più elastiche le articolazioni, rendere più sicuro il passo e più chiara la voce, le terapie complementari sono praticate in gruppo, aiutano la socializzazione, migliorano l’umore e la qualità della vita”.

Qualche esempio di terapie complementari utili nei malati di Parkinson sono la teatroterapia, la danzaterapia, il Taichi, il Nordic walking e il Pilates. Insomma, il movimento va incoraggiato in ogni modo.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *