La first lady dell’Ecuador in visita all’ospedale Bambino Gesù

logo-bambino-gesu

rocío-gonzález-opbg

Roma, 10 luglio 2019 – È stata accolta con un mazzo di fiori donatole da una piccola paziente dell’Ospedale la first lady dell’Ecuador, Rocío González de Moreno, che questa mattina ha fatto visita alla sede del Gianicolo del Bambino Gesù.

Accompagnata dalla presidente dell’Ospedale Pediatrico della Santa Sede, Mariella Enoc e dal direttore sanitario, Massimiliano Raponi, la consorte del presidente ecuadoregno si è intrattenuta con i bambini ricoverati nel reparto di Cardiologia e nella Terapia Intensiva Cardiochirurgica. Nel corso della visita, il dottor Fiore Iorio, direttore del Dipartimento Medico Chirurgico di Cardiologia Pediatrica, ha illustrato le attività specialistiche svolte nel Dipartimento.

Al termine, la first lady e la sua delegazione sono stati ricevuti in ludoteca. I bambini hanno dato il benvenuto ai presenti con un disegno realizzato da loro e hanno poi intonato dei canti.

La visita si è conclusa con la firma di un memorandum d’intesa tra Bambino Gesù e Ministero delle Relazioni Estere e delle Mobilità Umana dell’Ecuador per promuovere l’assistenza sanitaria pediatrica nel Paese del Centro America. Il documento prevede lo sviluppo di progetti specifici che coinvolgeranno l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e strutture sanitarie pediatriche ecuadoregne.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>