Crollo ponte a Genova, il lavoro della Croce Rossa prosegue senza sosta. GUARDA LE FOTO

logo-croce-rossa-italiana-cri

crollo-ponte-morandi-genova-cri-2

Genova, 15 agosto 2018 – È andato avanti per tutta la notte, senza sosta, e proseguirà anche nei prossimi giorni, il lavoro dei 54 operatori delle squadre speciali SMTS e dei volontari del Comitato CRI Regione Liguria e Lombardia sul luogo del crollo del Ponte Morandi a Genova.

Una quindicina gli operatori del Servizio Psicosociale (SeP) che, invece, stanno fornendo tutto il supporto necessario ai familiari delle vittime, alle centinaia di sfollati e ai volontari che stanno scavando nella zona rossa.

“Abbiamo immediatamente allestito un punto di raccordo per i familiari delle vittime, cercando di dare loro informazioni, ma soprattutto supporto e ristoro”, ha spiegato Daniela Calabrese, referente regionale SeP Liguria.

“Abbiamo fatto capire loro l’importanza di riposare, tranquillizzandoli, per quanto possibile, sul fatto che li avremmo immediatamente informati di eventuali notizie – ha proseguito Calabrese – Tuttavia, c’è stata una mamma che non si è voluta spostare dalla zona rossa ed è rimasta lì tutta la notte, in attesa che estraessero il corpo del figlio”.

crollo-ponte-morandi-genova-cri-1

Nonostante l’alto livello di preparazione, anche tra i volontari c’è stato qualcuno che ha necessitato di aiuto psicologico: “Non si è mai preparati fino in fondo per estrarre corpi di bambini dalle macerie”.

Anche per questo, sono stati allestiti un presidio fisso e un punto mensa in supporto delle nostre squadre speciali, dei volontari e di tutto il personale al lavoro nella zona del Ponte Morandi.

Intanto, il Comitato di Genova ha già messo a disposizione una cinquantina di posti letto per le persone sfollate e altri posti letto saranno a breve attrezzati dal Comitato di Campomorone.

“Ci tengo a ringraziare, da parte di tutto il Movimento, i nostri uomini e le nostre donne della Liguria, le squadre SMTS, quelle SeP, i soccorritori in ambulanza immediatamente operativi in uno scenario delicato e pericoloso. Ma anche a chi ha lavorato ‘dietro le quinte’, affinché la macchina dei soccorsi funzionasse. Un plauso e una completa vicinanza a loro che, senza sosta, lavorano anche oggi in condizioni difficilissime”, ha detto il Presidente della Croce Rossa Italiana e della Federazione Internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, Francesco Rocca.

crollo-ponte-morandi-genova-cri-3  crollo-ponte-morandi-genova-cri-4

crollo-ponte-morandi-genova-cri-6  crollo-ponte-morandi-genova-cri-7

crollo-ponte-morandi-genova-cri-8  crollo-ponte-morandi-genova-cri-9

crollo-ponte-morandi-genova-cri-5

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>