Variante Delta, rischio più alto di ricoveri. Aggiornamenti dal Ministero della Salute

Roma, 3 luglio 2021 – Variante Delta Covid in Italia e protezione vaccini, nuovi dettagli e aggiornamenti emergono da una circolare del Ministero della Salute. Sulla base delle ultime evidenze disponibili, la variante Delta (B.1.617.2) è del 40-60% più trasmissibile rispetto alla Alpha (Β.1.1.7) e può essere associata a un rischio più elevato di ospedalizzazione, si legge nella circolare del Ministero della Salute, firmata dal direttore generale della prevenzione sanitaria, Gianni Rezza, ad oggetto: “Aggiornamento della classificazione delle nuove varianti SarS-CoV-2, loro diffusione in Italia e rafforzamento del tracciamento, con particolare riferimento alla variante Delta”.

Nella circolare, indirizzata agli organi competenti, si riporta, appunto, un aggiornamento della classificazione a livello globale delle nuove varianti, ricordando i criteri che caratterizzano le varianti di interesse (Variant of Interest, Voi) e le varianti che destano preoccupazione (Variants of Concern, Voc), in base a quanto definito recentemente dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità). La variante Delta rientra appunto in quelle che destano preoccupazione.

“Vi sono evidenze – è scritto nella circolare – che quanti hanno ricevuto solo la prima dose di una vaccinazione che prevede la somministrazione di due dosi per il completamento del ciclo vaccinale anti-Covid sono meno protetti contro l’infezione con la variante Delta rispetto all’infezione da altre varianti, indipendentemente dal tipo di vaccino somministrato”.

“Il completamento del ciclo vaccinale – continua la circolare – fornisce invece una protezione contro la variante Delta quasi equivalente a quella osservata contro la variante Alpha”.

Secondo le tabelle presenti nella circolare, la probabilità e l’impatto di infezione da variante Delta nella popolazione generale è bassa (sia come probabilità, sia come impatto, sia come rischio totale) in chi ha ricevuto la vaccinazione completa anti Covid. Nelle persone non vaccinate o vaccinate con una sola dose, invece, la probabilità di infezione è ‘molto alta’ mentre l’impatto è ‘alto’ e il rischio totale va da ‘alto’ a ‘molto’ alto. Nelle popolazioni fragili completamente vaccinate il rischio totale va da ‘basso’ a ‘moderato’ e la probabilità è ‘moderata’. Per i fragili non vaccinati tutti i rischi sono ‘molto alti’.

Riguardo alla “probabilità e impatto di infezione con la variante Delta”, “si raccomanda di continuare a monitorare con grande attenzione la circolazione delle varianti del virus SARS-CoV-2, di rafforzare le attività di tracciamento dei casi e dei contatti di caso e di applicare tempestivamente e scrupolosamente sia le misure di contenimento della trasmissione previste, che le misure di isolamento e quarantena in caso di Voc Delta sospetta o confermata” si legge nella circolare.

(fonte: AIOM News)

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...