Vaccini, stop all’anti-scientificità imperante. Omceo Udine: “Pura follia rinviare l’obbligo vaccinale”

loghi-omceo-udine

vaccino-braccio

Udine, 6 agosto 2018 – Sui vaccini non si può scherzare né tanto meno rinviarne l’obbligatorietà, inficiando quanto si era riusciti ad ottenere dopo anni di battaglie e di richieste di aderenza alle evidenze scientifiche internazionali. Il Presidente dell’Ordine dei Medici di Udine, Maurizio Rocco, in linea con la posizione ufficiale della Federazione nazionale dell’Ordine dei Medici, ribadisce la netta contrarietà al rinvio di un anno dell’obbligo di presentare i certificati vaccinali per l’iscrizione alla scuola dell’infanzia e ai nidi.

Per il Presidente la Scienza “deve prevalere sempre e comunque sulla politica che ha l’obbligo di rispettarla!”, per questo l’emendamento approvato con il decreto Milleproroghe comporta una violazione alla scienza stessa. La necessità delle vaccinazioni è fuori da ogni dubbio come pure è inconfutabile la loro efficacia.

Il Presidente Maurizio Rocco cita l’articolo 32 della nostra Costituzione che tutela la Salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività. In nome di questo articolo, oltre che del Codice deontologico dei medici, “è doveroso che il ministro, che fra l’altro è un medico, attui questa tutela tramite politiche sanitarie che si fondino sulle migliori evidenze scientifiche a nostra disposizione.

La salute pubblica, cioè della collettività, potrebbe essere inficiata da decisioni politiche non congrue con le evidenze scientifiche: queste decisioni non rientrano di certo nella sfera dell’autodeterminazione del cittadino: fino a quando le scoperture vaccinali rimangono isolate e numericamente non incidenti sulla soglia di copertura (“herd immunity”, ovvero il cosiddetto effetto gregge) non vi sono effetti sulla salute pubblica, ma se dovesse diventare, come pare da più parti, una mentalità diffusa, anche a causa delle errate comunicazioni da parte dei media e delle “fake news” circolanti sui social, allora i nostri figli sarebbero esposti a rischi eccessivi e si vanificherebbero gli eccellenti risultati, in termini di salute, raggiunti in decenni di coperture vaccinali; sarebbe assurdo porci volontariamente in condizioni di debolezza. Sarebbe assurdo non farci trovare pronti a rispondere agli insulti degli agenti patogeni”.

Stop, dunque, all’anti-scientificità imperante (e non solo nell’ambito dei vaccini) che mette in dubbio la sicurezza e l’efficacia dei vaccini. Come Ordine dei Medici continueremo a promuovere la corretta informazione e provvederemo ad aiutare le Autorità pubbliche.

“I vaccini sono trattamenti sanitari scientificamente fondati e di comprovata efficacia. È un obbligo diffonderne l’utilizzo oltre a promuovere studi e sperimentazioni per scoprirne dei nuovi e migliorare quelli esistenti visti anche i grandi passi in avanti fatti dall’immunologia negli ultimi anni”, dichiara il Presidente.

L’Ordine dei Medici di Udine continuerà ad impegnarsi per una informazione accessibile, trasparente, rigorosa e prudente fondata sulle conoscenze scientifiche e si opporrà fermamente alla diffusione di notizie che alimentano aspettative e timori infondati o in ogni caso idonee a determinare un pregiudizio dell’interesse generale.

L’attività di informazione e convincimento deve rivolgersi soprattutto alla categoria degli operatori sanitari, perché su di essi ricade il ruolo di guida, di informazione e di formazione corretta della popolazione.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>