Un nuovo analgesico inalatorio entra in sala parto

logo-istituto-clinico-città-di-brescia

All’Istituto Clinico Città di Brescia un alleato per le future mamme

gravidanza-donna-bambinaBrescia, 4 maggio 2016 – Il momento del parto rappresenta senza dubbio una grande gioia per la mamma, ma allo stesso tempo è visto, dalla maggior parte delle donne, con ansia e timore, per il dolore che comporta. Il reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’Istituto Clinico Città di Brescia risponde a queste preoccupazioni mettendo a disposizione delle partorienti un nuovo anestetico inalatorio, il protossido d’azoto, questo gas miscelato in parti uguali con l’ossigeno ha un effetto analgesico, ansiolitico e lievemente euforizzante, poiché agisce sul sistema nervoso centrale stimolando la produzione di endorfine e consentendo alla partoriente di rilassarsi, alleviare il dolore del travaglio e dell’espulsione. Il protossido d’azoto può quindi essere considerato a tutti gli effetti un’alternativa sicura e non invasiva all’epidurale.

“L’aspetto più interessante dell’utilizzo del protossido d’azoto è sicuramente quello di essere on-demand: la partoriente può decidere quando azionare la valvola che regola il fluire del gas nella mascherina posizionata su naso e bocca. La futura mamma è quindi libera di tenere sotto controllo il proprio livello di dolore in modo autonomo e mirato” sottolinea il dott. Michele Tarantini, Responsabile del reparto di Ostetricia dell’Istituto Clinico Città di Brescia.

L’effetto del gas è rapido, ma altrettanto rapidamente svanisce, poiché non viene metabolizzato dall’organismo e quindi viene eliminato in tempi brevi. Per questa ragione le inalazioni vanno ripetute in tempi ravvicinati o al bisogno. Il protossido d’azoto è sicuro, non presenta effetti collaterali o rischi per mamma e bambino, quindi il suo utilizzo può anche essere prolungato durante tutto il travaglio.

“La partoriente rimane sveglia e vigile, non perde mai la propria mobilità e ha il controllo della propria muscolatura, quindi può partecipare attivamente a tutte le fasi del travaglio e non perdersi nemmeno un minuto dell’esperienza di diventare madre” conclude il dott. Tarantini.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>