Tutela dei lavoratori, prosegue la mobilitazione di protesta Ugl Sanità

Roma, 21 gennaio 2020 – Prosegue la mobilitazione di UGL Sanità a sostegno e tutela dei lavoratori del settore con la campagna “Personale gratificato e tutelato, servizio all’utenza migliorato”.

Sono stati effettuati oggi dei presidi  a Roma al di fuori della Aziende Ospedaliere Sant’Andrea, Policlinico Umberto I, San Filippo Neri e Oftalmico.

Le richieste formulate dalla UGL Sanità sono:

  • NO ALLA PRIVATIZZAZIONE DELL’ARES 118
  • SBLOCCO DEL TURN OVER
  • NO ALLE ESTERNALIZZAZIONI SELVAGGE
  • RIDUZIONE DELLE LISTE D’ATTESA
  • MAGGIORI INVESTIMENTINELL’EDILIZIA SANITARIA
  • PREVENZIONE ALLE AGGRESSIONI CONTRO IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO
  • ISTITUZIONE DEL REGISTRO OSS
  • PIU’ INNOVAZIONE IN APPARECCHIATURE

“Dopo la prima giornata del 14 gennaio – hanno dichiarato il Segretario Generale Gianluca Giuliano e il Segretario Provinciale UGL Sanità di Roma Valerio Franceschini – siamo tornati oggi a far sentire la nostra voce per contribuire a migliorare le condizioni di chi lavora nella Sanità e la qualità dei servizi di chi ne deve usufruire. Non ci fermiamo qui. La protesta andrà ancora avanti a Roma e negli ospedali della ASL di Latina, Frosinone, Viterbo e Rieti”.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *