Tumore del colon-retto, AIGO: “Lo screening può salvare un paziente su quattro”

logo-aigo-associazione-italiana-gastroenterologi-ed-endoscopisti-ospedalieri

medico-paziente-visita

Roma, 5 febbraio 2019 – L’Associazione Italiana Gastroenterologi ed endoscopisti Ospedalieri (AIGO) ha partecipato alla Giornata mondiale contro il cancro, sensibilizzando i propri pazienti alla prevenzione e promuovendo la conoscenza della patologia e dei programmi di screening.

dott-giuseppe-milazzo-aigo

Dott. Giuseppe Milazzo

Il presidente dell’Associazione Italiana Gastroenterologi ed endoscopisti Ospedalieri (AIGO) Giuseppe Milazzo ha dichiarato: “AIGO, Associazione Italiana Gastroenterologi ed Endoscopisti Ospedalieri, aderisce alla Giornata Mondiale contro il Cancro perché troppe persone in Italia muoiono ancora di tumore del colon retto e troppo poche accedono ai programmi di screening per la prevenzione e diagnosi precoce di questa patologia, che rappresenta in Italia la seconda causa di morte per uomini e donne con 66.000 decessi all’anno. Il nostro motto di oggi è “una colonscopia potrebbe salvarti la vita”: ed è proprio così! Uno studio AIGO ha dimostrato che lo screening è in grado di salvare un paziente su quattro. Purtroppo però a tutt’oggi in Italia l’adesione all’invito ai programmi di screening per il colon-retto non raggiunge il 70%. I nostri specialisti saranno quindi impegnati per sensibilizzare i pazienti a sottoporsi ai test di prevenzione. Nel contempo dobbiamo denunciare una discrepanza sul territorio nazionale con regioni virtuose in cui i programmi di prevenzione sono organizzati alla perfezione ed aree in cui sono praticamente assenti”.

“In quest’ottica AIGO è impegnata nel collaborare con le istituzioni perché tali programmi siano sempre più estesi e siano pienamente adottati quanto prima in quelle regioni in cui oggi sono colpevolmente in grave ritardo”, conclude Milazzo.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *