Test di Medicina. Anaao Giovani: “No a proposte distruttive”

Roma, 27 ottobre 2015 – Anaao Giovani esprime forte disappunto per le recenti dichiarazioni del Ministro dell’Istruzione pronunciate a Palazzo Garzolini dell’Università di Udine durante un incontro organizzato dal PD. Il Ministro, come riportato dalla stampa, continua a sostenere per Medicina “la fine del test a numero chiuso per l’accesso al primo anno in facoltà”.

Rimaniamo sconcertati da tali dichiarazioni e dall’arroganza di chi come la Ministra conosce le conseguenze drammatiche che scaturirebbero con l’accesso libero a medicina. Ma senza demordere, come Don Chisciotte contro i mulini a vento, continua a sostenere il sistema di accesso “alla francese”, con sbarramento alla fine del primo anno, che causerebbe una disastrosa errata programmazione e aggraverebbe a dismisura l’imbuto formativo post-laurea e un aumento nel lungo tempo della “pletora medica” con migliaia di neomedici disoccupati che non potrebbero accedere alle specializzazioni e poi nel SSN (oggi lo chiamiamo ancora così).

Verrebbe dunque annullato in un istante lo sforzo compiuto dal Governo per incrementare il numero di contratti di specializzazione a 6.000. Sarebbe inoltre impossibile mantenere una buona didattica con circa 60.000 matricole al primo anno, anche da un punto di vista logistico: in quali aule si farebbe lezione? E quale sorte si prospetta per le decine di migliaia che non riusciranno ad accedere agli anni successivi? In questo modo si spingerebbe sull’acceleratore delle Università private!

Ci meravigliamo di come il Ministro (dell’Istruzione o della Distruzione?), possa ancora avanzare a Regioni e Governo proposte destruenti come questa. E non vorremmo che il Ministro continui a sostenere l’abolizione del numero chiuso al primo anno per un secondo fine, forse per finanziare l’Università con le tasse degli studenti del primo anno.

Anaao Giovani invita tutti gli studenti di Medicina e aspiranti tali ad unirsi, per continuare a vigilare ed evitare che la Ministra possa attuare la folle abolizione del numero chiuso.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

1 Risposta

  1. Avatar claudia ha detto:

    Forse siete voi i primi ad avere interesse che il numero chiuso non venga abolito, avete forse interessi a mantenere il business costruito attorno ai test? Mio figlio ha partecipato quest’anno superando il test ma senza accedere a nessuna università perché il punteggio è stato un misero 22,70….a cosa serve un minimo se non dà garanzia di accesso? O forse non è entrato perché non abbiamo pagato i 6000,00 EURO che ci avevano chiesto per avere la garanzia dell’accesso?…..è semplicemente vergognoso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *