Stress da lavoro, attivati tre ambulatori in Toscana

logo-azienda-usl-toscana-sud-est-arezzo

La risposta aziendale ai problemi crescenti che si verificano nei luoghi di lavoro con informazioni, percorsi clinici e approfondimenti

domenico-sallese-arezzo

Dott. Domenico Sallese

Arezzo, 2 dicembre 2017 – La Asl Toscana sud est ha attivato nei giorni scorsi gli ambulatori per lo stress lavoro correlato. Sono presenti nelle tre province, Arezzo, Siena e Grosseto, per fornire ai lavoratori assistenza, accertamenti clinici, percorsi di reinserimento lavorativo e la possibilità di accedere ad approfondimenti specialistici, previa valutazione del Centro regionale per il Disadattamento lavorativo dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana.

“Lo stress percepito nei luoghi di lavoro è il responsabile di quasi la metà delle giornate perse ma spesso viene frainteso o stigmatizzato – ha dichiarato Domenico Sallese, direttore Dipartimento per la Prevenzione, Igiene e Sicurezza nei luoghi di lavoro – I lavoratori sottoposti a stress prolungato possono sviluppare gravi problemi di salute fisica, come malattie cardiovascolari o disturbi muscolo-scheletrici. Per le imprese gli effetti negativi possono essere una scarsa redditività complessiva. Le assenze tendono ad essere più lunghe di quelle dovute ad altre cause e lo stress lavoro correlato può contribuire ad aumentare i tassi di prepensionamento. I costi per le imprese e la società sono considerevoli e vengono valutati in miliardi di euro a livello nazionale. Se questo viene preso come  problema aziendale invece che come colpa individuale, i rischi psicosociali e lo stress possono essere gestiti come qualsiasi altro rischio per la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro”.

L’accesso agli ambulatori della Asl Toscana sud est può avvenire o in modo diretto da parte del lavoratore o  tramite richiesta del medico competente, con oneri a carico dell’azienda presso cui lavora la persona.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>