Stomie intestinali, a Caltanissetta medici e infermieri aggiornano le competenze

logo-omceo-caltanissetta

relatori-seminario-omceo-caltanissetta-27-aprile-2018

Caltanissetta, 28 aprile 2018 – “Gestione integrata delle stomie intestinali”: è il tema del seminario formativo svoltosi ieri nella sede dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della provincia di Caltanissetta e organizzato in collaborazione con il Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche, nell’ambito dell’aggiornamento professionale e di sinergia tra le due categorie professionali nella cura dei pazienti.

Moderatori dell’incontro sono stati Giovanni D’Ippolito (presidente OMCeO Caltanissetta) e Osvaldo Barba (consigliere nazionale Nursind). Relatori i medici Carmelo Venti, Maria Amico, Giovanni Di Lorenzo, Marco Airò Farulla, Antonino Salvatore Mangione, Pino Faraci, Giuseppina Dilena e Michele Diana, i quali hanno analizzato la gestione e la cura della persona stomizzata.
Tra i partecipanti anche Debora Bennardo, presidente dell’associazione Aistom, che ha reso una testimonianza personale.

I bisogni frequentemente cambiano e richiedono un piano di cura flessibile che tiene conto della complessità della persona. Le necessità delle persone che entrano in ospedale per un intervento chirurgico che porta al confezionamento di una stomia sono legate a una condizione di adattamento fisico, psicologico, sociale e di gestione specifica dello stoma che perdura per tutto il periodo del ricovero e continua anche dopo la dimissione, al rientro al domicilio.

Il corso di aggiornamento ha consentito ai partecipanti di analizzare le criticità emerse al termine della dimissione e distribuire le competenze per garantire maggiore efficienza al paziente.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *