Smart city, risparmi fino a 500 milioni per i servizi pubblici. Ecco i modelli innovativi di ENEA

logo-enea

alberi-luci-lampioni

Roma, 4 luglio 2019 – Rimodellare in chiave smart città e territori attraverso un cambiamento profondo nella gestione di infrastrutture e i servizi pubblici strategici, con risparmi fino a quasi mezzo miliardo di euro per l’illuminazione nei Comuni italiani. È la proposta dell’ENEA con la piattaforma digitale PELL, scelta da CONSIP per il monitoraggio dei consumi e la quantificazione dei risparmi sul Mercato Elettronico della PA (MePA) e selezionata come best practice per migliorare la politica energetica europea nell’ambito dell’accordo di collaborazione tra l’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) e il Joint Research Centre (JRC).

PELL è una piattaforma digitale per raccolta dati, rilevazioni, diagnostica dei consumi energetici, analisi delle prestazioni degli impianti di pubblica illuminazione e replicabile a tutti i servizi strategici della PA. Grazie al monitoraggio costante e alla valutazione delle prestazioni, consente di innovare profondamente le modalità di gestione dell’illuminazione pubblica, un settore che consuma 5,9 TWh all’anno con una spesa di circa 1 miliardo di euro.

La riqualificazione del sistema di illuminazione pubblica nazionale, attraverso interventi di efficienza aventi come oggetto la sostituzione delle tecnologie illuminanti e le modalità di gestione degli impianti (come ad esempio il telecontrollo) permetterebbe di abbattere di oltre un terzo i consumi di energia, con un risparmio di quasi 500 milioni di euro e 1 milione di tonnellate in meno di CO2.

“Frutto di una costante collaborazione, valutazione e condivisione dei risultati con gli stakeholder di settore, PELL rappresenta uno strumento di valutazione dello ‘stato di salute’ delle infrastrutture strategiche e della gestione territoriale grazie alla conoscenza uniforme ed aggiornata dell’infrastruttura, dei suoi consumi e costi, anche in risposta a una sempre maggiore richiesta di trasparenza e monitoraggio sulla qualità delle prestazioni e tipologia dei servizi offerti a livello nazionale e non solo”, sottolinea Nicoletta Gozo della Divisione Smart Energy dell’ENEA.

Le sue potenzialità sono state illustrate oggi a Roma nel workshop “Innovazione digitale del processo di rigenerazione urbana – Illuminazione Pubblica e Public Energy Living Lab” che ha riunito oggi nella sede dell’Agenzia rappresentanti di istituzioni, imprese, associazioni e comunità scientifica, tra cui il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Mattia Fantinati.

Oltre alla piattaforma PELL proposta dell’ENEA prevede l’implementazione di altri strumenti finanziati dalla Ricerca di Sistema Elettrico del Ministero dello Sviluppo Economico, come il progetto “SmartItaly Goal” finalizzato alla realizzazione di una roadmap nazionale di rigenerazione urbana con l’avvio del processo di innovazione dei servizi strategici della Pubblica Amministrazione.

“Replicabile ad altre infrastrutture chiave, PELL è lo strumento operativo per eccellenza della proposta ENEA per l’innovazione del processo gestionale della pubblica illuminazione su cui poggiano le tecnologie utili per questa trasformazione e tramite cui sono veicolati dati e informazioni indispensabili per innovare i modelli gestionali e i servizi urbani”, conclude Mauro Annunziato, responsabile Divisione Smart Energy dell’ENEA.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>