Settimana Mondiale del Cervello. Al Policlinico San Donato, “Prevenzione primaria dell’ictus”

logo-IRCCS-San-Donato

IRCCS Policlinico San Donato
Aula Magna, Piazza E. Malan 2, San Donato Milanese
Giovedì 19 marzo 2015, ore 20.30

settimana-mondiale-cervello-san-donatoMilano, 17 marzo 2015 – In occasione della “Settimana Mondiale del Cervello”, giovedì 19 marzo 2015, alle ore 20.30, si terrà presso l’IRCCS Policlinico San Donato un incontro aperto a tutti sulla prevenzione dell’ictus.

L’obiettivo della serata è quello di fornire preziose informazioni sui comportamenti da mettere in atto per prevenire al meglio questa patologia, grazie ai consigli del dott. Federico Pacei, del prof. Luciano Bet e della dott.ssa Stefania Lalli, attivi presso la Stroke Unit dell’IRCCS Policlinico San Donato. Modera l’incontro il prof. Giovanni Meola, responsabile dell’Unità di Neurologia.

Il prof. Luciano Bet, responsabile della Stroke Unit, spiegherà anche come riconoscere l’ictus e come comportarsi durante la fase acuta per ricevere tempestivamente soccorso.

L’ingresso è libero fino a esaurimento dei posti disponibili, in allegato la locandina:

Previeni l’ictus_locandina

La “Settimana Mondiale del Cervello” si propone di richiamare l’attenzione su questo meraviglioso organo che ancora cela molti segreti, nonostante le importanti scoperte di questi ultimi anni. Coordinata dalla European Dana Alliance for the Brain in Europa, dalla Dana Alliance for the Brain Iniziatives e dalla Society for Neuroscience negli Stati Uniti, la Settimana Mondiale del Cervello è il frutto di un enorme coordinamento internazionale a cui partecipano le Società Neuroscientifiche di tutto il mondo e dal 2010 anche la Società Italiana di Neurologia.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *