Sclerosi Multipla, il Percorso diagnostico terapeutico e assistenziale. Convegno a Palermo

logo Azienda Ospedaliera Villa Sofia-Cervello

Palermo, 23 novembre 2016 – L’organizzazione e il funzionamento del percorso diagnostico terapeutico e assistenziale per la Sclerosi Multipla in Sicilia. Un approfondimento sulle principali problematiche e sulla gestione di questa patologia che comporta il progressivo deterioramento delle funzioni motorie, sensoriali, sensitive e delle abilità cognitive, è tema centrale del convegno “La persona al centro: il Pdta per la persona con Sclerosi Multipla.

L’esperienza della Sicilia”, in programma venerdì 25 novembre con inizio alle 9,30 a Palermo, al San Paolo Palace Hotel. L’evento è organizzato dal Coordinamento regionale Sicilia dell’Associazione italiana Sclerosi Multipla e dall’Assessorato regionale alla salute e vedrà la partecipazione dell’Assessore Baldo Gucciardi.

I lavori saranno aperti dal Coordinatore regionale dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla Angelo La Via. Seguirà la sessione dedicata interamente alla presentazione del Percorso diagnostico terapeutico assistenziale (Pdta) in Sicilia, che si aprirà con le relazioni del dott. Salvatore Cottone, Direttore dell’Unità operativa di Neurologia dell’Azienda Ospedali riuniti Villa Sofia-Cervello (centro hub per la Sclerosi Multipla per le province di Palermo e Trapani), e di Pasquale Cananzi, Dirigente del Servizio 7 dell’Assessorato regionale alla salute.

In conclusione, un dibattito sulla realtà siciliana fra i vari soggetti coinvolti nel percorso organizzativo della Sclerosi Multipla e l’intervento finale di Maria Grazia Anzalone, Vice Presidente nazionale dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *