Pisa città che mangia sano, al via progetto sui social network

logo-aou-pisana

Pisa, 17 novembre 2016 – Ha preso il via una importante iniziativa di educazione alimentare attraverso Facebook rivolta ad un campione di dipendenti dell’Università di Pisa, nell’ambito delle attività del Progetto “Pisa città che mangia sano”, il cui protocollo è stato stipulato da Regione Toscana, Università di Pisa, Azienda ospedaliero-universitaria pisana, Comune di Pisa ed ex Asl 5 di Pisa, con il contributo della Società della Salute di Pisa. Il protocollo ha la finalità di promuovere azioni volte a prevenire l’insorgenza di patologie croniche promovendo stili di vita salutari – in particolare la sana alimentazione – e prevenire i disturbi del comportamento alimentare.

La scorsa settimana si è tenuto il primo incontro per spiegare il progetto ai partecipanti, misurare i dati antropometrici e verificare lo stile di vita e le abitudini alimentari, con particolare riguardo all’aderenza alla dieta mediterranea. Nei prossimi sei mesi, all’interno di un gruppo chiuso su Facebook, i partecipanti riceveranno 2-3 post settimanali con informazioni semplici e pratiche e avranno modo di confrontarsi tra di loro e con dietisti dedicati al progetto, con la finalità di porre in atto semplici modifiche della quotidianità per poter migliorare il proprio stile di vita. Alla fine dei sei mesi verranno nuovamente rilevati i dati iniziali e raccolte le statistiche dei post pubblicati, per verificare i risultati ottenuti.

Molto si discute sull’utilizzo del social network per finalità educative. L’intento dell’iniziativa, coordinata dal prof. Piero Marchetti (presidente del corso di laurea in Dietistica) e dalla dott.ssa Katia Nardi (dietista dell’Aoup, Servizio Dietetico, responsabile dott.ssa Mojgan Azadegan) è quello di utilizzare e verificare un approccio innovativo al passo coi tempi per aiutare a mettere in pratica alcuni concetti basilari, al fine di migliorare il proprio stato di salute.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>