Per 84 ex Lsu di Villa Sofia-Cervello arriva l’assunzione a tempo indeterminato

logo Azienda Ospedaliera Villa Sofia-Cervello

villa-sofia-cervello-9

Palermo, 22 dicembre 2017 – Un bel regalo sotto l’albero per 84 ex Lsu in servizio con contratto quinquennale di diritto privato presso l’Azienda Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello. La Direzione strategica ha infatti deliberato l’approvazione della graduatoria del concorso pubblico, bandito lo scorso agosto, finalizzato alla stabilizzazione di questo personale interno. Questo significa che nei prossimi giorni, dopo la pubblicazione dell’atto e le procedure di rito, questi “precari storici” potranno firmare il contratto di assunzione a tempo indeterminato.

L’annuncio del provvedimento è stato dato “in diretta” agli stessi lavoratori stamane nel corso dell’incontro per gli auguri natalizi che il Commissario, Maurizio Aricò, il Direttore Sanitario Pietro Greco, e il Direttore Amministrativo Nora Virga, hanno avuto con il personale.

Il brindisi di auguri si è quindi unito al brindisi per questo importante traguardo e a molti degli interessati è scappata anche più di una lacrima. Le figure stabilizzate a tempo indeterminato, tutte categoria B, sono  nel dettaglio: 38 coadiutori amministrativi, 10 operatori tecnici, 20 operatori tecnici informatici, 7 operatori tecnici sterilizzatori, 1 operatore tecnico archivio cartelle cliniche, 6 operatori tecnici magazzinieri, 2 operatori tecnici servizio prevenzione e protezione, per un totale appunto di 84 stabilizzazioni. Il completamento del processo di stabilizzazione di tutti e 90 gli ex Lsu avverrà poi con la copertura dei posti negli stessi profili che si renderanno vacanti e disponibili nel corso del 2018, tramite scorrimento delle specifiche graduatorie.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>