Nuova aggressione in un ospedale di Palermo, Fsi-Usae: “Solo promesse, nessun intervento. Nulla è cambiato”

loghi-fsi-usae

calogero-coniglio-salvatore-ballacchino

Da sinistra: Calogero Coniglio e Salvatore Ballacchino

Palermo, 18 gennaio 2017 – Dopo il recente caso del medico picchiato mentre era in servizio al pronto soccorso dell’unità operativa complessa del Vittorio Emanuele di Catania, anche in un ospedale di Palermo è stata registrata una nuova aggressione. Una dottoressa e un’infermiera sono state picchiate da due donne, suocera e nuora, al pronto soccorso del Civico. Siamo così arrivati a 50 aggressioni negli ultimi 5 anni negli ospedali siciliani.

“Era prevedibile, e se non si interviene è prevedibile anche una massacro di infermieri e medici per tutto il 2017”, dichiara Calogero Coniglio, coordinatore Fsi-Usae Federazione Sindacati Indipendenti aderente alla confederazione Unione Sindacati Autonomi Europei.

“Sono trascorsi pochi giorni dalle nostre denunce a prefetture e questure, dalle due interrogazioni parlamentari presentate, dalle rassicurazioni, dalla solidarietà e le promesse del sottosegretario della Salute Faraone e dall’Assessore regionale Gucciardi a Catania. Dopo il dossier di 48 aggressioni inviato alle Prefetture siciliane, alla Regione, ai Sindaci di Catania e Palermo ed ai Ministri della Salute e dell’Interno, dopo l’ultima l’aggressione al dott. Puleo al pronto soccorso del Vittorio Emanuele di Catania, nulla è cambiato, nessun intervento”, commenta Coniglio.

Un’infermiera e una dottoressa sono state picchiate da due donne al pronto soccorso dell’ospedale Civico di Palermo, in attesa di essere visitate hanno colpito i due sanitari che hanno riportato traumi toracici e facciali.

“La denuncia di una interruzione di pubblico servizio a quanto pare non scoraggia i cittadini – dichiara Salvatore Ballacchino, segretario regionale Fsi-Usae – Attendiamo e solleciteremo affinché i due Ministri della Salute e dell’Interno, Lorenzin e Minniti rispondano urgentemente alle interrogazioni parlamentari presentate al Senato dai senatori Scavone e Compagnoni sulle gravi carenze strutturali della Sicilia e della carenza di personale, siamo ancora in attesa delle 5mila assunzioni promesse. A distanza di 160 anni dal Regno delle due Sicilie – conclude Coniglio – non possiamo più accettare nell’era moderna che quest’isola sia ancora irriformabile”.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>