Morbillo al Policlinico di Bari, l’appello del presidente AOPI Petralia: “Bisogna vaccinare i propri figli!”

logo-aopi-associazione-ospedali-pediatrici-italiani

L’Associazione degli Ospedali Pediatrici Italiani sostiene a 360 gradi la tutela della specificità pediatrica, nell’ambito della creazione del polo pediatrico autonomo rispetto al Policlinico di Bari

paolo-petralia-gaslini-aopi

Dott. Paolo Petralia

Genova, 12 novembre 2018 – “È sempre più indispensabile che nel nostro Paese i bambini siano vaccinati, a prescindere dai pregiudizi e dalle opinioni pressapochiste, per garantire la tutela della salute pubblica”. Lo afferma il presidente di AOPI, Paolo Petralia in merito ai casi di morbillo diagnosticati al Policlinico di Bari.

“Questa situazione fa anche capire, una volta di più, come sia necessario assicurare un luogo di cura adeguato e specifico ai bambini. Per questo l’Associazione degli Ospedali Pediatrici Italiani – continua Petralia – sostiene la scelte del direttore generale Giovanni Migliore di spostare le attività del direttore sanitario del Policlinico all’Ospedale pediatrico per garantire un presidio gestionale strategico quotidiano, in attesa della creazione dell’azienda pediatrica autonoma, il cui progetto verrà illustrato durante il tradizionale incontro di fine anno dell’Associazione che per l’occasione si riunirà proprio a Bari il prossimo 12 dicembre”.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>