Microbiota, il secondo genoma. Un patrimonio in fragile equilibrio

duccio-cavalieri

Prof. Duccio Cavalieri

Torino, 14 novembre 2017 – È un ‘doppio’ il secondo appuntamento di GiovedìScienza dedicato a “Microbiota, il secondo genoma: un patrimonio in fragile equilibrio”. Giovedì 16 novembre saliranno sul palco del Teatro Colosseo (alle 17:45 in Via Madama Cristina 71, Torino) Duccio Cavalieri dell’Università di Firenze e Carlotta De Filippo dell’Istituto di Biologia e Biotecnologie Agrarie del CNR di Pisa.

Dobbiamo a loro la fermentazione della birra, del vino e del pane. Sono i lieviti, che trovano nell’intestino delle vespe un ambiente in cui sopravvivere al freddo dell’inverno. Non solo, i calabroni sono l’alcova in cui si genera e si mantiene la biodiversità microbica, consentendo l’incrocio di ceppi e specie di lievito diverse. A loro volta i lieviti aiutano gli insetti a conservare salute e socialità.

carlotta-de-filippo

Dott.ssa Carlotta De Filippo

È la storia, strana ma vera, di lieviti, vespe, birra e vino che racconterà Duccio Cavalieri, professore di microbiologia all’Università di Firenze, parlandoci di un fragile sistema in equilibrio da millenni, oggi minacciato dal cambiamento climatico e dalla globalizzazione. Mantenere queste simbiosi è fondamentale per preservare patrimoni microbici tipici importantissimi dal punto di vista naturalistico ed economico: sono lo scrigno della tipicità dei nostri prodotti.

Portiamo con noi 2 kg di batteri condividendo gioie e dolori. Scegliamo noi questi compagni di viaggio o sono loro a sceglierci? Per rispondere a questa domanda Carlotta De Filippo dell’Istituto di Biologia e Biotecnologie Agrarie del CNR di Pisa è andata in uno dei paese africani più poveri, il Burkina Faso, in un villaggio rurale dove il tempo sembra essersi fermato 10.000 anni fa, nel neolitico, quando nacquero l’agricoltura e l’allevamento.

Con “La Nostra Africa: effetto globalizzazione sui batteri che abitano in noi” la dr.ssa De Filippo spiegherà i risultati del lavoro che – con avanzate tecniche di sequenziamento del DNA – ha portato a catalogare tutte le specie batteriche non coltivabili delle feci di bambini che vivono nel villaggio africano, confrontandole con quelle di bambini italiani.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>