Meeting internazionale. Esperti mondiali delle malattie della retina a Siena

logo-AOU-Senese

“Vitroretinal Disorders” – Convegno internazionale di oculistica
3-4 luglio 2015
Centro didattico – Policlinico Santa Maria alle Scotte

Gian-Marco-Tosi-AOU-Senese

Dott. Gian Marco Tosi – Oculista dell’AOU Senese

Siena, 1 luglio 2015 – Meeting internazionale sulle patologie della retina il 3 e 4 luglio a Siena. L’evento è organizzato dal dott. Gian Marco Tosi, oculista dell’AOU Senese. L’appuntamento si colloca nella tradizione delle iniziative congressuali della Scuola Oftalmologica senese. Presidente onorario del congresso è il prof. Aldo Caporossi, che ha diretto per molti anni l’oculistica senese.

Saranno presenti, in qualità di chairmen, Stanley Chang, uno dei padri mondiali della chirurgia vitroretinica e Mario Stirpe, direttore della Fondazione Bietti, l’unico IRCCS italiano oftalmologico. Nel comitato scientifico nazionale ci sono i professori Francesco Bandello di Milano, Leonardo Mastropasqua di Chieti e Pescara e Stanislao Rizzo di Firenze. Interverranno esperti provenienti soprattutto da Stati Uniti, Giappone e Israele.

“Ci confronteremo sulle patologie del segmento posteriore dell’occhio, cioè del vitreo e della retina – spiega Gian Marco Tosi – Tali malattie rappresentano un grave rischio invalidante in quanto possono condurre ad una significativa riduzione della capacità visiva, sino alla perdita totale”. Si parlerà anche di prevenzione, diagnosi precoce, terapie tradizionali e innovative, chirurgiche e mediche, di queste patologie.

Il congresso si svolge con il patrocinio di AOU Senese, Università di Siena, Comune di Siena e Società Oftalmologica italiana.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *