Mediating material engagement. Technology, narrativity, performance. Convegno all’Università di Messina

logo-universita-di-messina

intelligenza-artificiale-dito

Messina, 24 settembre 2019 – Negli ultimi anni, molte discipline (provenienti anche da campi e settori di ricerca piuttosto distanti) hanno cercato di esplorare gli effetti della mediazione sull’esperienza umana, sul mondo circostante. Estetica, studi sui media, Antropologia, Biologia e Scienze cognitive hanno tentato di analizzare la dicotomia che separa soggetti e oggetti, corpi e cose.

Al riguardo, il convegno “Mediating material engagement. Technology, narrativity, performance”, che si terrà da mercoledì 25 (a partire dalle ore 14) a venerdì 27 settembre, alternativamente presso l’Aula Magna del Dipartimento Cospecs e l’Istituto Marino di Mortelle, mira a esplorare tale rapporto attraverso tre diverse chiavi di lettura: performance, tecnologia e narratività.

Ognuna di esse genera domande e risultanze specifiche. Nel corso dell’evento verranno prese a modello le teorie di eminenti studiosi quali, ad esempio, Marshall McLuhan (secondo cui è necessario considerare i “media come estensioni dell’uomo”), Richard Schechner e Lambros Malafouris.

Quest’ultimo, docente presso il Keble College dell’Oxford University, sarà il relatore di spicco dell’iniziativa alla quale parteciperà un nutrito parterre di docenti ed esperti. Tra loro anche i proff. Mauro Carbone (Universitè de Lyon); Emanuele Castano (Sarajevo School of Science and Technology); Michele Cometa (Università di Palermo); Adriano D’Aloia (Università della Campania); Stefano De Matteis (Università di Roma Tre); Claudio Paolucci e Martina Bacaro (Università di Bologna). Il convegno si inserisce nell’ambito delle attività del progetto “Research & Mobility”.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *