Mauro Tavarnelli confermato presidente AIFI

logo-aifi-associazione-italiana-fisioterapisti

mauro-tavarnelli-aifi-def

Dott. Mauro Tavarnelli

Roma, 17 ottobre 2017 – Mauro Tavarnelli sarà alla guida dell’AIFI anche per i prossimi tre anni. Alla fine del Congresso di Roma dell’Associazione Italiana Fisioterapisti è stato infatti riconfermato presidente, ricevendo 317 voti. A esprimersi 333 delegati (326 i votanti) delle realtà regionali.

Al fianco di Tavarnelli, nella Direzione Nazionale sono stati eletti Simone Cecchetto (vicepresidente, 225 voti), Donato Lancellotti (204), Patrizia Galantini (193), Francesco Ballardin (149), Paola Pirocca (132) e Roberto Marcovich (126).

Il Congresso ha portato anche all’indicazione dei Revisori dei Conti (Vincenzo Pedalino, Mario Donadi e Alessandra Amici in carica, Maria Rosaria Montanino e Carla Silvana Zucconi supplenti) e dei 5 Probiviri (Vincenzo Ziulu, Antonio Summa, Brunella Padovan, Anna Maria Dell’Eva e Mariagloria Ferrari).

Ricominciare. Anzi, “ricominciamo”. Perché è “insieme che ce la faremo”. Mauro Tavarnelli, rieletto per i prossimi tre anni presidente dell’AIFI, riparte dai progetti portati avanti nello scorso mandato. E che ora saranno completati. “Dobbiamo da subito continuare quello che stavamo facendo – ha detto al termine del Congresso che lo ha confermato alla guida dell’Associazione Italiana Fisioterapisti, con 317 voti – Tutto ciò che abbiamo in essere va immediatamente ripreso, perché così possiamo veramente puntare allo sviluppo della fisioterapia, al miglioramento della scienza e delle condizioni di salute dei cittadini”.

Le impellenze sono diverse, ma una è immediata: “Portare a termine nel miglior modo possibile il Ddl 3868, cioè il disegno di legge Lorenzin che sarà in discussione tra pochi giorni”. Poi sarà “fondamentale riprendere tutte quelle attività che possono portare all’affermazione della nostra professione e alla sua utilità sociale” ha aggiunto Tavarnelli.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>