Mancato rinnovo del contratto medici e dirigenti sanitari. FASSID: “In assenza di risposte, fine dei giochi”

logo-fassid

alessandra-di-tullio-coordinatore-fassid

Roma, 21 settembre 2018 – Il 27 settembre il Governo deve presentare al parlamento la nota di aggiornamento al DEF. Sarà l’occasione per conoscere il reale interesse del governo del cambiamento al mantenimento in vita del SSN.

È sotto gli occhi di ogni cittadino che il sistema è in stato preagonico: si sorregge soltanto con la buona volontà e l’abnegazione di tutto il personale dipendente, che si trova in parte con un contratto sì rinnovato ma in modo deludente, e, per quello che riguarda i dirigenti medici e sanitari, con un finanziamento inferiore a quello destinato al restante pubblico impiego e privati della RIA che permetterebbe la progressione della carriera.

La Fassid non può continuare a prendere tempo mantenendo in vita un tavolo tecnico che senza certezza delle risorse non può fornire soluzioni adeguate ai bisogni dei cittadini e dei medici e sanitari. Per quello che ci riguarda dunque, senza un cambio di passo fine dei giochi.

Alessandra Di Tullio, Coordinatore Nazionale della Federazione FASSID

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>