Malattie cardiache prima causa di morte in Italia. Molto può fare la tecnologia con la Banca del Cuore

logo-anmco-associazione-nazionale-medici-cardiologi-ospedalieri

A Rimini dal 2 al 4 giugno il 47° Congresso nazionale dei Cardiologi Ospedalieri. Il numero uno di ANMCO, Michele Gulizia, premiato dalla Presidenza del Consiglio per il progetto BancomHeart, da lui ideato e unico al mondo

medici-cuoreRimini, 3 giugno 2016 – Le malattie cardiache sono al primo posto in Italia: attacchi di cuore (184.800 decessi) e ictus (quasi 94 mila morti) nel 2013 hanno rappresentato quasi la metà (48%) di tutte le cause di mortalità in persone under75. Si tratta di patologie per le quali è più che mai importante intervenire con cure adeguate. Il concetto di “mortalità evitabile” si basa sull’idea che alcuni decessi potrebbero essere evitati se ci fosse stata un’assistenza sanitaria tempestiva ed efficace.

“Questi dati ci suggeriscono di fare attenzione al cuore e ai rischi a cui va incontro ogni giorno – mette in guardia Michele Gulizia, presidente di ANMCO, in occasione del 47° Congresso Nazionale dell’Associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri a Rimini fino al 4 giugno – evitando i fattori di rischio, quali fumo, stress, dieta ricca di grassi, obesità, vita sedentaria e ipertensione. Oggi, per tenere il prezioso muscolo sotto controllo, anche la tecnologia può fare molto offrendoci una possibilità in più: la Banca del Cuore. Si tratta di una card, gratuitamente rilasciata dalle Cardiologie, che contiene i dati clinici sulla salute cardiovascolare (elettrocardiogramma, pressione arteriosa) e nella quale è possibile inserire altre informazioni: sapere, ad esempio, se si è diabetici, se si è avuto un infarto pregresso e molti altri preziosi dati clinici”.

E per il progetto “Banca del Cuore”, unico al mondo, ideato proprio dal dott. Michele Massimo Gulizia, il numero uno di ANMCO ha ricevuto la massima onorificenza – la medaglia per l’alto valore scientifico, assistenziale e sociale del progetto di prevenzione – direttamente dalla Presidenza del Consiglio che si è congratulata per l’iniziativa.

Tra i temi di cui si parlerà durante la tre giorni di Rimini, c’è la sessione “CardioFrontex: la Cardiologia attraverso il Mar Mediterraneo; punti di forza e di criticità in un modello culturale che accoglie e non rifiuta nell’interesse dei cardiopatici”. Una sessione dedicata alla Cardiologia internazionale in un contesto fortemente sinergico che si pone l’obiettivo di discutere l’approccio alle malattie cardiovascolari nei Paesi che si affacciano sul Mare Nostrum, ai quali estendere anche il progetto di prevenzione Banca del Cuore, affinché divenga una cassaforte digitale degli elettrocardiogrammi e dei dati cardiologici salienti di quanti più cittadini del mondo, una sorte di passaporto della salute.

“I migranti che sbarcano nel nostro Paese, 24.090 in questi primi mesi del 2016 e 800mila pronti a partire per le coste europee secondo un rapporto congiunto di Europol – afferma Gulizia – spesso sono affetti da malattie cardiovascolari che neanche sanno di avere, perché nei Paesi da cui provengono non c’è la cultura della prevenzione e soprattutto non vi è una sanità assistenzialista come la nostra. Per questa ragione occorre accendere i riflettori sulla necessità di una rivalutazione della diagnosi e della qualità della cardiologia nel Mediterraneo, anche per le ricadute sociali ed economiche che involontariamente si ripercuotono e si ripercuoteranno maggiormente nel nostro Paese. Basti pensare al recente incremento diagnostico delle patologie valvolari, clinicamente accertate in queste popolazioni di immigrati, che provocano un incremento di ricoveri ospedalieri in cardiologia e cardiochirurgia per la terapia di queste patologie, particolarmente incidenti in queste popolazioni e da noi sostanzialmente debellate da oltre un decennio. E con la main session CardioFrontex vogliamo contribuire, dando supporto scientifico e reciproca collaborazione a quei Paesi che si affacciano nel bacino del Mediterraneo, partendo dalla gestione del paziente cardiovascolare. Non a caso, al Congresso partecipano i massimi rappresentanti della cardiologia di Egitto, Croazia, Kosovo, Libano, Malta e Marocco e Siria”.

“Aiutare queste persone dal punto di vista medico e scientifico – conclude il dott. Gulizia – può essere possibile grazie al network scientifico basato sulla Banca del Cuore: lo strumento per archiviare gratuitamente i dati sanitari dei pazienti, rendendo possibile recuperarli grazie alla BancomHeart, una card simile al bancomat, contenente la vita sanitaria della persona. Questo database consentirebbe di condividere un enorme network assistenziale multirazziale, permettendo di realizzare progetti di ricerca innovativi per la ricerca di marker specifici che possano risultare efficaci nella diagnosi preventiva della cardiopatia ischemica e della morte cardiaca improvvisa e per la cura di patologie cardiache ad alto rischio di malignità su popolazioni target”.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>