Malattia di Addison: aspetti epidemiologici, diagnostici e terapeutici. Convegno all’Aou di Ferrara

logo-aou-ferrara

aou-ferrara-corridoio-settore-1-spalle-natale

Ferrara, 2 maggio 2019 – La Società Medico Chirurgica di Ferrara, in collaborazione con la prof.ssa Maria Rosaria Ambrosio della Sezione di Endocrinologia e Medicina Interna e il dott. Rosario Cultrera della Sezione di Malattie Infettive dell’Università degli Studi di Ferrara, ha organizzato per il 4 maggio 2019 un Convegno dal titolo “Vivere, diagnosticare e trattare la malattia di Addison: dalla storia ai nostri giorni” (presso l’Aula Magna dell’ospedale di Cona a partire dalle ore 8.30 e fino alle 12.50).

Le ghiandole surrenaliche sono state descritte la prima volta nel 1563, ma la loro funzione restò sconosciuta ancora per tanto tempo. Fu il medico londinese Thomas Addison, nel 1855, a descrivere per la prima volta la malattia che porta il suo nome, dimostrando che la corteccia surrenalica è essenziale per la vita. La terapia sostitutiva, salvavita, diventò disponibile con l’introduzione in clinica del cortisone solo nel 1949.

L’insufficienza surrenalica riconosce diverse cause e presenta segni e sintomi clinici spesso misconosciuti con diagnosi talora ritardata o effettuata in condizioni di urgenza. La malattia, se non adeguatamente trattata, ha un notevole impatto su morbidità, mortalità e qualità di vita.

Il convegno tratterà i diversi aspetti della patologia, partendo dalle testimonianze dei pazienti e dell’Associazione Pazienti affetti da Morbo di Addison. Padre Antonio Sangalli, Padre Carmelitano e Vicepostulatore della Causa di Canonizzazione di S. Elisabetta della Trinità (Elisabetta Catez), tratterà della figura di questa Santa che ha vissuto gli ultimi anni della sua vita nel Carmelo di Digione affetta dalla malattia di Addison, a quel tempo incurabile, vissuta senza mai smettere di parlare di gioia e di offrire un sorriso anche nei momenti di maggiore sofferenza.

Il prof. Paolo Zamboni presenterà l’arte quale strumento utile per i medici, mostrando come dall’osservazione di un quadro si può arrivare ad una diagnosi clinica.

Verranno affrontati gli aspetti epidemiologici, diagnostici e terapeutici partendo dalla storia alle più recenti acquisizioni, da esperti di rilevanza internazionale: il prof. Alberto Falorni di Perugia, la prof.ssa Maria Chiara Zatelli di Ferrara, la prof.ssa Carla Scaroni di Padova, il prof. Andrea Maria Isidori di Roma. Interverranno come moderatori la prof.ssa Tiziana Bellini e il prof. Roberto Manfredini dell’Università di Ferrara.

L’iscrizione è gratuita. Sono stati richiesti i crediti formativi ECM per medici, biologi, farmacisti e professioni sanitarie.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *