L’Ospedale Israelitico ottiene il riaccreditamento dalla Regione Lazio

logo-ospedale-israelitico

Celotto: “Grazie a Zingaretti e alle Istituzioni abbiamo ottenuto il riaccreditamento dalla Regione”

Roma, 11 marzo 2016 – “L’Ospedale Israelitico di Roma è nuovamente autorizzato a offrire i suoi servizi in convenzione con il Sistema Sanitario Nazionale. Il riaccreditamento firmato dal Presidente della Regione Lazio è un atto importante in favore di tutti i cittadini della Capitale e dei membri della Comunità Ebraica di Roma. Abbiamo passato mesi di duro lavoro che hanno prodotto il segno di un tangibile cambiamento e tanto ancora c’è da fare per rimettere completamente in moto la macchina dell’Ospedale. Se siamo riusciti in questo percorso e se continueremo a lavorare al servizio della sanità laziale è grazie alle Istituzioni che ci hanno sempre sostenuto. Ringrazio il Presidente Nicola Zingaretti e il sub commissario alla Sanità della Regione Lazio Giovanni Bissoni per aver permesso alla nostra struttura di tornare alla normalità e per l’attenzione che hanno voluto dare alla nostra vicenda. Un ringraziamento speciale va anche al Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e al Prefetto di Roma, Franco Gabrielli, che hanno tracciato la miglior strada per raggiungere questo risultato. Infine, un sincero ringraziamento va all’amministratore prefettizio, dott. Narciso Mostarda, che dal primo giorno d’insediamento si è prodigato nel suo lavoro di ripristino dell’attività pubblica ottenendo i risultati preposti in tempi brevi. Anche grazie a tutti loro i dipendenti dell’Ospedale potranno guardare al futuro con maggiore serenità”.

Lo comunica in una nota il Commissario Straordinario dell’Ospedale Israelitico, Alfonso Celotto.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *