L’endoscopia in neurochirurgia

15-Congresso-Mondiale-Neurochirurgia-2015_2

Aumentano i campi d’interesse della neuroendoscopia. Ne abbiamo parlato con Paolo Cappabianca, Direttore del dipartimento Neurochirurgia, Università Federico II di Napoli

Roma, 9 settembre 2015

Professore, ci può spiegare in breve cos’è la neuroendoscopia delle cavità cerebrali?
“La neuroendoscopia rappresenta una tecnica neurochirurgica che si avvale di uno strumento di visualizzazione, appunto l’endoscopio come strumento di visualizzazione per accedere al bersaglio chirurgico attraverso cavità naturali o corridoi precostituiti. I maggiori campi di interesse/applicazione di questa metodica sono l’endoscopia cerebrale – per il trattamento di patologie della dinamica liquorale e/o delle cavità ventricolari – e l’endoscopia endonasale –per il trattamento di patologie ipotalamo-ipofisarie e della base cranica”.

Quando è necessario impiegare l’endoscopio?
“L’endoscopio è uno strumento di visualizzazione alternativo e/o complementare al microscopio operatorio. La tecnica endoscopica può essere adottata quando la visione ravvicinata ed ampia che l’endoscopio offre, garantisce un vantaggio nella risoluzione della problematica chirurgica”.

Quali sono le tecniche innovative in neuroendoscopia?
“L’endoscopia è una tecnica ormai consolidata, le più recenti innovazioni riguardano la tecnologia degli strumenti di visualizzazione, le telecamere e i monitor HD e/o 3D”.

Quali sono i limiti dell’endoscopia nella cavità cerebrale? E quali le potenzialità?
“È difficile parlare di limiti e potenzialità. L’importante è lavorare sempre intensamente per l’evoluzione e il futuro della disciplina alla quale dedichiamo tutti i nostri giorni. Il futuro è una storia ancora da raccontare”.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>