Le associazioni civiche chiedono alle Regioni di siglare immediatamente il Patto per la Salute

Roma, 16 dicembre 2019 – Nella adozione del Patto per la Salute abbiamo di fatto già perso un anno, perché siamo alla fine del 2019 mentre questo patto ha come orizzonte temporale il biennio 2019-21. Inoltre con questo Patto si mettono a disposizione 2 miliardi di nuove risorse nel 2020 e 1,5 nel 2021, cifre importantissime che aspettavamo dopo anni di definanziamento del Servizio Sanitario Nazionale.

La proposta supera la logica dei tetti per diversi aspetti e riconosce quella maggiore flessibilità tante volte invocata proprio dalle Regioni, ad esempio nella gestione del personale. Prevede inoltre che si lavori alla definizione dei livelli organizzativi per l’erogazione dei servizi sanitari sul territorio, e, aspetto molto importante, anche un capitolo ad hoc che riguarda la partecipazione dei cittadini in sanità.

Chiediamo che il Patto venga immediatamente siglato, e chiediamo alle Regioni che non approfittino della discussione sul tema per regolare altre questioni politiche che non hanno niente a che fare con la salute dei cittadini. Non si possono tenere le persone in ostaggio, dopo che negli ultimi mesi c’è stato ampio consenso da parte delle stesse regioni, per questo risulta ancora più incomprensibile il fatto che non si ritenga di sottoscriverlo.

Lo chiediamo come organizzazioni civiche perché crediamo che senso di responsabilità voglia dire prendersi cura della salute delle persone prima di tutto, e se il patto non sarà siglato entro il 31 dicembre si rischiano di perdere le importantissime risorse aggiuntive e la flessibilità conquistata. Possiamo permettercelo?

Associazioni aderenti:

Cittadinanzattiva

A.I.D.E. onlus; Associazione Italiana Dislipidemie Ereditarie

AICH- Associazione Italiana Corea Di Huntington Roma Onlus

AIFA- Associazione Italiana Famiglie ADHD deficit d’attenzione e iperattività

AIG – Associazione Italiana Glicogenosi

AILS   Onlus – Associazione Italiana Lotta alla Sclerodermia A.I.P.A.S. ONLUS, Associazione Italiana Pazienti con Apnee del Sonno-ONLUS

AISC- Associazione Italiana Scompensati Cardiaci

A.L.I.Ce. Italia Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale Onlus

ALIR – Associazione per la Lotta contro l’Insufficienza Respiratoria

AMAMI Associazione Malati Anemia Mediterranea Italiana

AMICI onlus – Associazione nazionale per le Malattie Infiammatorie Croniche dell’Intestino 

AMMI – Associazione Malati Menière Insieme ONLUS

AMRI- Associazione Per Le Malattie Reumatiche Infantili 

ANIF – Associazione Nazionale Ipercolesterolemia Familiare

ANMAR Onlus – Associazione Nazionale Malati Reumatici   

ANNA- Associazione Nazionale Nutriti Artificialmente ONLUS

APE- Associazione Progetto Endometriosi

ASBI- Associazione Spina Bifida Italia

ASSOCIAZIONE “ALFREDO AGRO’” ONLUS PER LO STUDIO E LA CURA DELLE MALATTIE EMATOLOGICHE

Associazione Alzheimer Uniti Roma

ASSOCIAZIONE  A.M.O.R.  ODV ASSOCIAZIONE MALATI in OSSIGENO-VENTILOTERAPIA e RIABILITAZIONE

Associazione CFU-Italia Odv (Comitato Fibromialgici Uniti-Italia)  

Associazione Fibromialgici “Libellula Libera” APS 

Associazione Italiana Cistite Interstiziale – Onlus

Associazione Italiana Famiglie ADHD

Associazione malati di reni

Azione Parkinson

Associazione Pazienti BPCO

Bianco Airone Pazienti Onlus

FAIS onlus- Federazione Associazioni Incontinenti e Stomizzati

Famiglie SMA – Atrofia muscolare spinale

FAND – Associazione Italiana Diabetici

Federazione Italiana Prader – Willi

Forum Nazionale Associazioni Nefropatici Trapiantati e di Volontariato

GAT – Gruppo Aiuto Tiroide

GILS ODV. Gruppo italiano per la Lotta alla Sclerodermia 

Gruppo LES Italiano ODV

LILA Lega Italiana per la Lotta contro l’Aids

Parkinson Italia

U.I.L.D.M. Unione italiana lotta distrofia muscolare

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *