Laboratorio unico centralizzato: dall’esperienza concreta le strategie per realizzarlo

logo-CERISMAS

Dal Corso CERISMAS gli strumenti per la costruzione del progetto

17 settembre 2015 – Se il laboratorio unico centralizzato è l’obiettivo dei progetti di ristrutturazione delle reti di offerta di diagnostica di laboratorio, progettarlo e realizzarlo richiede un equilibrio performante tra volume e composizione della domanda, dimensioni della struttura e capacità produttiva. L’esperienza concreta ha infatti dimostrato che stimare correttamente la domanda, intervenendo preventivamente su di essa con azioni mirate sull’appropriatezza prescrittiva, risulta critico per poter dimensionare correttamente gli investimenti in tecnologie. Le tecnologie laboratoristiche infatti si confrontano oggi con un’innovazione che segue una traiettoria “esponenziale” e sono quindi soggette a rapida obsolescenza, a fronte di tempi di ammortamento lunghi.

Il corso “Laboratorio unico centralizzato: progettazione, metodi e strumenti”, rivolto in particolare a Direttori aziendali di AUSL e Aziende ospedaliere, Coordinatori di Area vasta, Responsabili regionali della programmazione ospedaliera e degli investimenti in tecnologie, Direttori di Laboratorio, Responsabili tecnici, di Logistica, di Tecnologie e Ingegneria clinica, Staff di programmazione e controllo e di gestione del personale, è pensato per fornire ai partecipanti la metodologia e gli strumenti necessari per impostare correttamente l’analisi preliminare del fabbisogno del territorio di riferimento, la progettazione organizzativa e logistica della struttura, il monitoraggio continuo dell’appropriatezza prescrittiva, degli standard del servizio e dei costi.

Per farlo, ci si confronterà con una delle esperienze più importanti e consolidate di gestione unificata delle attività di laboratorio a livello europeo: il laboratorio unico centralizzato di Pievesestina di Cesena, in Emilia Romagna, inaugurato nel 2009.

In particolare, i partecipanti potranno ascoltare la testimonianza del dott. Franco Falcini, Direttore amministrativo della AUSL della Romagna, che ha seguito e coordinato il progetto, e del dott. Romolo Dorizzi, Direttore del programma di patologia clinica e dell’unità operativa Corelab di Pievesestina, che vanta un’intensa esperienza di gestione del laboratorio e di ricerca e controllo dell’appropriatezza.

Il corso si svolgerà il 22 ottobre 2015 in due sessioni:

  • dalle 9.30 alle 13.00 – Metodologie di analisi e progettazione della centralizzazione del laboratorio di analisi;
  • dalle 14.00 alle 17.30 – Esperienze sul campo.

Info e iscrizioni: www.cerismas.comcerismas@unicatt.it

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *