La rete dei grandi ospedali europei. Convegno internazionale a Firenze

logo-azienda-ospedaliera-universitaria-careggi-firenze

Firenze, 12 ottobre 2016 – Al via il Congresso internazionale “La rete dei grandi ospedali europei” organizzato dall’Azienda Careggi e dalla sua Fondazione. L’evento si svolge a Firenze nell’Auditorium del CTO in Largo Palagi dal 13 al 15 ottobre. Il Congresso propone uno sguardo sul futuro, su come l’innovazione, nella tecnologia, nella pratica medica e nell’organizzazione potrà migliorare l’assistenza.

I lavori si aprono il 13 ottobre a partire dalle 8:30 con gli interventi dell’Assessore alla Sanità della Regione Toscana Stefania Saccardi, del Direttore generale di Careggi Monica Calamai, del Rettore dell’Università di Firenze Luigi Dei e della Presidente della Fondazione Careggi Anna Maria Celesti.

Fra le novità più rilevanti un dibattito sui metodi di analisi dei Big Data, le informazioni nascoste nelle grandi moli di dati che già oggi vengono acquisite, in grado di offrire immense potenzialità ancora inesplorate nello studio delle malattie e di nuovi scenari sanitari, come pure l’informatica cognitiva dei super computer capaci di suggerire decisioni in ambito assistenziale ed organizzativo.

Specialisti ed esperti di livello internazionale si confronteranno sulle nuove frontiere di cura in chirurgia oncologica, oculistica, urologia, chirurgia ricostruttiva, trapianti di organi e tessuti. In ambito medico saranno presentate nuove metodiche e prospettive innovative nella robotica, non solo dal punto di vista chirurgico, ma anche in radioterapia, nella riabilitazione con gli esoscheletri e nella preparazione dei farmaci, in particolare per la cura dei tumori.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *