IV Congresso Nazionale di cure del neonato nei Paesi a limitate risorse

logo Società Italiana di Neonatologia - SIN

Ogni anno nel mondo muoiono 6,3 milioni di bambini con meno di 5 anni. Il 44% di essi muore nel periodo neonatale, nei primi 28 giorni di vita

5 ottobre 2015 – La Società Italiana di Neonatologia, il Gruppo di Studio Neonatologia e Sviluppo, Cure Essenziali nei paesi a basse risorse, Mangiagalli Life organizzano il IV Congresso Nazionale di cure del neonato nei Paesi a limitate risorse il 13 ottobre presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Milano.

Nel corso della giornata, introdotta dal prof. Mosca e dal dott. Villani, si affrontano i temi più importanti e urgenti: mortalità materno-infantile, diritti del neonato, alta fertilità, esperienze delle ONG.

Gli obiettivi del congresso sono:

  • Advocacy: porre nella massima attenzione le tematiche della salute della donna e del neonato nei paesi a limitate risorse, invitando i massimi esperti del settore;
  • Alignment: mettere a confronto i tecnici della comunità scientifica e le organizzazioni umanitarie che svolgono il lavoro sul campo;
  • Action: valorizzare il lavoro di chi ha saputo dare una risposta al concreto aiuto di chi ha reale bisogno nei paesi di origine.

15 i paesi con progetti sul campo dei quali si parlerà. 13 le ONG coinvolte che presenteranno la loro esperienza.
La lezione magistrale sarà tenuta da Gino Strada, medico, fondatore e direttore esecutivo di Emergency.
Il congresso è diretto a studenti di medicina, infermieri, medici, ostetriche, ONG e ai cittadini.
L’iscrizione è obbligatoria, ha il costo di € 10 e dà diritto a 6,4 crediti ECM (per iscriversi www.nascere.info).

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *