Influenza, conclusa la campagna vaccinale. Coperture raggiunte grazie anche ai medici di famiglia

logo-simg-societa-italiana-di-medicina-generale-e-cure-primarie

Il dott. Claudio Cricelli, presidente SIMG: “Ennesimo straordinario successo della medicina generale e dell’organizzazione sanitaria”. Il picco influenzale è atteso tra la prima e la terza settimana di gennaio

vaccino-vaccinazione

Firenze, 18 dicembre 2018 – “Quest’anno la campagna di vaccinazione contro l’influenza stagionale è andata molto bene Solo localmente si è registrato qualche ritardo che però è stato tempestivamente superato”. È quanto afferma il dott. Claudio Cricelli, presidente nazionale della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG), che appare chiaramente soddisfatto per l’andamento della vaccinazione antinfluenzale che si sta concludendo.

dott-claudio-cricelli

Dott. Claudio Cricelli

“Grazie all’impegno dei medici di famiglia e al servizio sanitario nazionale siamo riusciti a raggiungere e a superare i livelli vaccinali programmati e la campagna può dirsi ormai conclusa – precisa Cricelli – Il numero delle persone sottoposte a vaccinazione anti influenzale è, infatti, nettamente aumentato con tassi che raggiungono in alcune zone anche il 30%. Il vaccino si è dimostrato efficace ed i ceppi virali in esso contenuti sono esattamente quelli che stanno circolando in questo momento. Riteniamo che questo debba essere considerato un ennesimo straordinario successo della medicina generale e dell’organizzazione sanitaria che ha fornito tempestivamente, pur con minimi problemi di approvvigionamento, il vaccino contro l’influenza alla popolazione a rischio”.

“I medici di famiglia – aggiunge Cricelli – hanno esaurito le scorte così come dovevano e anche nelle farmacie le dosi di vaccino dovrebbero essere state tutte utilizzate. Se ce n’è rimasta qualcuna e qualcuno intende farsi ancora il vaccino, si sbrighi perché ormai è tardi”.

“Il virus di quest’anno – conclude il presidente SIMG – non è particolarmente aggressivo ed è esattamente quello atteso, contro il quale è stato predisposto il vaccino. Il picco influenzale è atteso tra la prima e la terza settimana di gennaio”.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *