Il tumore al seno e la ricostruzione mammaria. All’ospedale Cervello ritorna il Bra Day

logo Azienda Ospedaliera Villa Sofia-Cervello

Naida-Faldetta-ospedale-Cervello-Palermo

Dott.ssa Naida Faldetta – Responsabile del Centro di riferimento regionale di chirurgia oncoplastica della mammella dell’Ospedale Cervello – Palermo

Palermo, 17 ottobre 2015 – Solo il 23% delle donne italiane colpite dal tumore alla mammella conosce l’ampia gamma di trattamenti disponibili per la ricostruzione del seno, mentre solo il 19% comprende che la tempestività del trattamento del cancro al seno e la decisione di sottoporsi alla ricostruzione ha un grande impatto sulle opzioni disponibili e sul risultato dell’operazione. Sono i dati principali che faranno da leit motiv al Bra Day, la giornata internazionale della ricostruzione del seno, nata per favorire l’informazione, la conoscenza e l’accesso alle tecniche di ricostruzione mammaria e che quest’anno si celebra mercoledì 21 ottobre.

A Palermo il Bra Day (acronimo di Breast Reconstruction Awareness Day) avrà come palcoscenico l’Aula Magna dell’Ospedale Cervello dove a partire dalle 8.30 è in programma una giornata di approfondimento e di riflessione promossa dal Centro di riferimento regionale di chirurgia oncoplastica della mammella del Cervello, che ha come responsabile Naida Faldetta.

Un evento articolato nel corso del quale gli interventi dei medici, che faranno il punto della situazione su tecniche e procedure più recenti, si alterneranno con momenti di spettacolo, di discussione e di testimonianze da parte di donne, passate da questa difficile esperienza. Il tumore alla mammella registra annualmente in Sicilia 2.500 nuovi casi e colpisce una donna su 10. Ogni anno sono circa 200 le donne che si sottopongono ad intervento presso il Centro dell’Ospedale Cervello, dove le pazienti sono prese in carico nella globalità delle procedure non solo diagnostiche e chirurgiche ma anche dal punto di vista psicologico e riabilitativo e nel follow up.

donna-medico-mammografia“Siamo alla terza edizione di un appuntamento – sottolinea la dott.ssa Faldetta – che si prefigge di diffondere informazioni più complete possibili sul tema della ricostruzione mammaria, per offrire alle donne che si trovano in questa situazione l’opportunità di fare scelte consapevoli, fondate sulla conoscenza delle tecniche più aggiornate che oggi assicurano un buon risultato sotto il profilo estetico, consentendo alle pazienti di non subire quel trauma psicologico causato dall’alterazione del proprio fisico e dell’immagine corporea. Vogliamo che destinatari di questo messaggio siano in particolare le nuove generazioni, alle quali affidiamo, non solo simbolicamente, il compito di diffondere attraverso la scuola e in famiglia la cultura della Breast reconstruction”.

La consegna degli attestati di ambasciatori del Bra Day agli studenti delle scuole medie superiori partecipanti, i Licei Giuseppe Garibaldi e Benedetto Croce, l’Alberghiero Cascino, gli Istituti Einaudi e Marco Polo, sarà infatti uno dei momenti più significativi dell’appuntamento di mercoledì 21, che si aprirà con l’intervento del Direttore Generale dell’Azienda Villa Sofia Cervello Gervasio Venuti e con la relazione della dr.ssa Naida Faldetta che parlerà della Chirurgia oncoplastica della mammella ed aprirà la serie degli interventi degli specialisti. Diversi i momenti a tema previsti nel corso della giornata: la premiazione del concorso di poesia, l’esibizione di un gruppo di danzatori di Hip Hop del Body Studio Colli di Palermo, la performance del violinista Gepi Arrisicato, la musica del gruppo folk Amuri Amuri, uno spazio con i musicisti del Conservatorio Bellini di Palermo, il laboratorio gastronomico delle pazienti del Centro del Cervello e le testimonianze delle donne che si sono sottoposte alla ricostruzione mammaria.

fonte: ufficio stampa

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *