Il mondo della sanità sempre più rappresentato da operatrici femminili. Convegno all’ospedale di Udine

logo-azienda-sanitaria-universitaria-integrata-udine

gruppo-medici-corsia-2

Udine, 29 marzo 2019 – “Donne che curano” è il titolo del convegno che si terrà sabato 30 Marzo, con inizio alle ore 9.00 e fine alle ore 14.00, presso la Sala “Franco Perraro” sita al quarto piano del Padiglione d’Ingresso dell’Ospedale di Udine.

Organizzato nel mese in cui ricorre la Giornata Internazionale della donna, il convegno – che vede come Responsabile Scientifico la dott.ssa Claudia Andreetta e come Coordinatore la dott.ssa Alessandra Bin entrambe del Dipartimento di Oncologia dell’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Udine – mira ad esaltare e valorizzare la presenza femminile in tutti gli ambiti della sanità. Quindi non più “Donne che curano donne” ma semplicemente: “Donne che curano”.

Il mondo della sanità è sempre più rappresentato da operatrici femminili in particolare nelle professioni infermieristiche e socio-assistenziali. Figure sempre più coinvolte in aspetti sia clinici, diagnostici che di trattamento in cui l’aggiornamento continuo è una condizione ormai imprescindibile.

La formula, ormai ben collaudata e giunta alla sesta edizione, è suddivisa in due sessioni, nella prima si affronterà il tema della continuità delle cure nel paziente oncologico con la presentazione della presa in carico e gestione del paziente nei vari setting (ospedale, domicilio e hospice) in cui sono coinvolte le diverse figure professionali (medico, infermiere e psicologo). Nella seconda sessione il filo conduttore è il tema del supporto in modi diversi: al paziente con lesioni o con dolore o con nuova diagnosi oltre al ruolo della musicoterapia.

Salva come PDF
Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. Ricordiamo a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico di base o allo specialista.

Potrebbe anche interessarti...

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>